Indietro Avanti

Far rinascere la speranza in Africa con il cinema. Questo l’ambizioso progetto di Cine Yagoua:. “portare la scatola magica che accende la speranza in una cittadina al Nord del Cameroun,...

Leggi di più

Domenica 21 Gennaio 2018 ore 17.00 il CineClub Montiferru presenta il Teatro del Seminario, Via Vittorio Emanuele Cuglieri Comune di Cuglieri. Inside Out è la storia di una bambina, Riley...

Leggi di più

Tutto pronto per la seconda edizione del Premio Centottanta, il concorso a premi riservato a film-maker esordienti del territorio sardo. La partecipazione è gratuita e i termini delle domande sono...

Leggi di più

Ancora un mese per presentare i progetti cinematografici al concorso KENZEBOGHES 2017, organizzato dall’associazione Babel in collaborazione con Ejatv, Areavisuale Film e La Società Umanitaria –Cineteca Sarda di Cagliari. La...

Leggi di più

Ricca giornata di appuntamenti, sabato 10 dicembre, all’interno della decima edizione di Creuza de Mà. Si inizia alle 16, al MiniMax del teatro Massimo di Cagliari, con La musica per il...

Leggi di più

Si svolgerà dal 9 al 12 dicembre 2016 nella sala Primo Longobardo, sull’isola de La Maddalena il “secondo atto” del festival La valigia dell’attore, manifestazione intitolata a Gian Maria Volonté.Dopo...

Leggi di più

Ouverture nel segno di Pinuccio Sciola per la XII edizione di Passaggi d'Autore - Intrecci Mediterranei in programma dal 6 all'11 dicembre tra la Sala Consiliare del Comune e il...

Leggi di più

L’accabadora, film di Enrico Pau con Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Sara Serraiocco, Carolina Crescentini, è stato selezionato alla XXII edizione del Medfilm Festival nel concorso ufficiale. Il film sarà proiettato...

Leggi di più

Tutti i vincitori dell'ottava edizione della kermesse che guarda il mondo dal sud Sardegna. di C.P. Si conclude l’ottava edizione del Carbonia Film Festival. Soddisfazione da parte degli organizzatori del concorso...

Leggi di più

Si terranno venerdì 23 e sabato 24 settembre, a San Sperate (CA) le anteprime del Cagliari Film Festival.Il 23, in piazza San Giovanni, è in programma la proiezione di Il...

Leggi di più

Percorso

In Sicilia qualcosa si muove

Era attesa da tempo, adesso è una realtà. I primi frutti sono stati colti, altri stanno maturando, di molti si sta ancora parlando. La tanto anelata legge sul cinema in Sicilia è stata varata nel 2007 e riguarda produzione e divulgazione. Altri enti, però, non soccorrono ancora l’esercizio. di Massimo Arciresi

Sicilia Film CommissionPromulgata dalla Gazzetta Ufficiale del 30 agosto del 2007 e approvata all’inizio dello stesso mese, la dettagliata legge regionale sul cinema propone, in 12 articolati ed esaustivi punti, dei fattivi “interventi in favore del cinema e dell’audiovisivo”.
In pratica, si coniugano le sacrosante esigenze di promuovere i luoghi e le relative bellezze della Sicilia con la possibilità di realizzare, invitando velatamente i cineasti di tutto il globo che avessero voglia di cimentarsi, documentari e opere di finzione, destinate al grande o al piccolo schermo, direttamente sul territorio, con il proposito di creare in un futuro imminente, come è stato dichiarato in più occasioni, delle strutture atte alla post-produzione, onde rifinire l’opera senza doversi rivolgere ad altre società specializzate della penisola. Non solo: si appoggiano, compatibilmente a bilanci ed erogazioni annue prestabilite e, ovviamente, accordando fiducia ai progetti di comprovata serietà, iniziative quali festival e rassegne a tema, e si istituisce, oltre a un meticoloso sistema di archiviazione, una scuola dell’audiovisivo – forse il fiore all’occhiello dell’intera iniziativa – destinata, nelle intenzioni, a guadagnare sempre più prestigio, attirando magari studenti e aspiranti autori di film dal resto d’Italia e del mondo.

Alessandro RaisUn vero e proprio balsamo culturale per un’isola a rischio di asfissia in tale settore, dove si erano via via diradate manifestazioni anche storiche per progressiva disattenzione di platee pazientemente educate all’immagine nel corso dei decenni, soprattutto in conseguenza alla mancanza di quei fondi in grado di dare continuità e visibilità necessarie alla sopravvivenza di qualsiasi iniziativa. Ora, un passo successivo, chiaramente da parte di altri enti, potrebbe essere aiutare gli esercizi. In una fase di repentine e violente mutazioni tecnologiche, in cui l’adeguamento al digitale sta diventando un’urgenza più che un costoso abbellimento, sotto la cupa minaccia di abbandono delle potenti e poco attente case di distribuzione, facilmente disposte a rinunciare a soccorrere una piazza che rischia l’agonia, non si può sperare neppure nell’intervento statale, a causa dei famigerati tagli al FUS approvati in tempi relativamente recenti. E il tempo, specie per le sale di periferia o nei piccoli comuni, stringe.
Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni