Indietro Avanti

Far rinascere la speranza in Africa con il cinema. Questo l’ambizioso progetto di Cine Yagoua:. “portare la scatola magica che accende la speranza in una cittadina al Nord del Cameroun,...

Leggi di più

Domenica 21 Gennaio 2018 ore 17.00 il CineClub Montiferru presenta il Teatro del Seminario, Via Vittorio Emanuele Cuglieri Comune di Cuglieri. Inside Out è la storia di una bambina, Riley...

Leggi di più

Tutto pronto per la seconda edizione del Premio Centottanta, il concorso a premi riservato a film-maker esordienti del territorio sardo. La partecipazione è gratuita e i termini delle domande sono...

Leggi di più

Ancora un mese per presentare i progetti cinematografici al concorso KENZEBOGHES 2017, organizzato dall’associazione Babel in collaborazione con Ejatv, Areavisuale Film e La Società Umanitaria –Cineteca Sarda di Cagliari. La...

Leggi di più

Ricca giornata di appuntamenti, sabato 10 dicembre, all’interno della decima edizione di Creuza de Mà. Si inizia alle 16, al MiniMax del teatro Massimo di Cagliari, con La musica per il...

Leggi di più

Si svolgerà dal 9 al 12 dicembre 2016 nella sala Primo Longobardo, sull’isola de La Maddalena il “secondo atto” del festival La valigia dell’attore, manifestazione intitolata a Gian Maria Volonté.Dopo...

Leggi di più

Ouverture nel segno di Pinuccio Sciola per la XII edizione di Passaggi d'Autore - Intrecci Mediterranei in programma dal 6 all'11 dicembre tra la Sala Consiliare del Comune e il...

Leggi di più

L’accabadora, film di Enrico Pau con Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Sara Serraiocco, Carolina Crescentini, è stato selezionato alla XXII edizione del Medfilm Festival nel concorso ufficiale. Il film sarà proiettato...

Leggi di più

Tutti i vincitori dell'ottava edizione della kermesse che guarda il mondo dal sud Sardegna. di C.P. Si conclude l’ottava edizione del Carbonia Film Festival. Soddisfazione da parte degli organizzatori del concorso...

Leggi di più

Si terranno venerdì 23 e sabato 24 settembre, a San Sperate (CA) le anteprime del Cagliari Film Festival.Il 23, in piazza San Giovanni, è in programma la proiezione di Il...

Leggi di più

Percorso

“Un tranquillo weekend di paura” di John Boorman

 
''Un Tranquillo Weekend di Paura''A memoria di cinefilo tutto può essere iniziato con “Two Thousand Maniacs!” (1964) in cui dei giovani turisti trascorrono un week-end in una cittadina del sud degli Stati Uniti e cadono vittime della violenza e del sadismo degli abitanti del posto. L’idea di una comunità rurale autarchica, possibilmente nel sud degli States e composta da bifolchi, rozzi e folli personaggi (quelli che in gergo sono i “rednecks”), è stata d’ispirazione per tutto il cinema seguente creando quasi un genere che in alcuni casi è stato definito come “rural gothic” e del quale fanno parte senza dubbio “Non aprite quella porta”, “Le colline hanno gli occhi”, il semisconosciuto “American gothic” e, in tempi più recenti, “Wrong Turn” e “Calvaire”.

Nel 1974, il regista inglese John Boorman dirige “Un tranquillo weekend di paura”, un film che riprende anch’esso il tema della selvaggia e incontaminata comunità che viene invasa dallo straniero “civilizzato”. Il tutto però è portato ad un livello per così dire più alto senza cadere nello sterile “gore” sanguinolento e fine a se stesso.

''Un tranquillo Weekend di Paura''Quattro amici, capitanati dal baldanzoso ed esaltato “naturalista” Lewis (B.Reynolds), decidono di lasciarsi alle spalle la città per un weekend e di scendere in canoa il fiume Chattoga tra la  Georgia e la Carolina del Sud. Il fiume verrà presto deviato e la vallata che attraversa, verrà completamente sconvolta a causa dell’imminente costruzione di una diga. Giunti nella sperduta località, i quattro cittadini iniziano a toccare con mano la poca ospitalità degli abitanti del luogo che vivono in povertà dentro baracche fatiscenti e in alcuni casi con figli menomati da tare genetiche. Sarà proprio un bambino con evidenti problemi mentali ad improvvisare, con il suo banjo, un duetto insieme a Drew (R.Cox), l’idealista del gruppo che suona la chitarra. Dopo quest’episodio, che rappresenta   l’unico momento di aggregazione fra gli uomini di città e gli “indigeni”, inizia per i quattro giovani esploratori, una vera e propria discesa all’inferno. La violenza esploderà dapprima nei confronti del grasso e sempliciotto Bobby (N.Beatty) il quale, dopo aver raggiunto l’altra riva del fiume in canoa, riceverà l’accoglienza di due rudi e poco socievoli montanari che lo sodomizzeranno. Sarà l’intervento provvidenziale di Lewis, che con una freccia ne ucciderà uno mettendo in fuga l’altro, a salvare dallo stesso brutale destino l’amico Ed (J.Voight).
''Un tranquillo Weekend di Paura''Dopo che Drew annega nelle rapide (forse sparato dall’alto della montagna) e i loro leader Lewis, si romperà una gamba sarà proprio il timido e impacciato Ned a prendere in mano la situazione. I tre sopravissuti, arriveranno, sconvolti e mutati nei loro animi, alla fine del viaggio, ma il brutto ricordo li seguirà per il resto della loro vita.
Ispirato da un romanzo di James Dickey che qui compare nella doppia veste di sceneggiatore e attore (piccola parte di uno sceriffo), il film di Boorman è ormai diventato un cult a tutti gli effetti. Il regista inglese capovolge quello che è il mito della natura accogliente e amica dell’uomo. La natura, che qua “leopardianamente” potremmo definire matrigna più che madre, non rigenera e non purifica, come spesso il superficiale uomo”civilizzato” crede. I quattro amici, che rappresentano con i loro caratteri stereotipati (l’impavido, il razionale, il buon padre di famiglia, il sempliciotto) le varie anime dell’America di quel periodo, vogliono giocare a fare Tarzan sfidando la natura che presuntuosamente pensano di capire.
 
''Un tranquillo Weekend di Paura''Ma la natura è anche costrizione e violenza  e non permette di fuggire quando lo si vuole soprattutto quando il progresso (il film inizia con le autobotti che si preparano per la costruzione della diga) la  vuole distruggere senza pietà. Se i luoghi sono selvaggi, la popolazione che in quei luoghi ci vive da sempre, non è da meno e l’uomo di città dovrà scontrarsi anche con la violenza insita nel suo simile. E grazie alla violenza dell’uomo “buono”, l’odissea dei 4 amici si risolverà portando a quella “liberazione” che poi è il titolo originale del film (“Deliverance”).

In definitiva l’opera di Boorman ci appare come un mix di generi: avventura, drammatico e thriller che poi in definitiva affrontano un tema classico del cinema americano che è quello del viaggio. Il ritmo è incalzante, e la natura, che impassibile e spietata assiste al drammatico cammino del gruppo, è fotografata in maniera sublime.
 
''Un tranquillo Weekend di Paura''Di eguale pregio anche la colonna sonora in chiave folk e a ritmo di banjo che se inizialmente è proposta in chiave allegra e diegetica (il duetto iniziale banjo-chitarra), in seguito diviene sempre più seriosa e inquietante accompagnando “dall’esterno” i momenti più tragici e cruenti della drammatica avventura.
Frase del film: E’ proprio vero, alle volte bisogna perdersi per poter trovare qualcosa!”

Qua la mitica scena del “duello musicale”
 
«Il cinema è un alto artificio che mira a costruire realtà alternative alla vita vera, che gli provvede solo il materiale grezzo» (Umberto Eco)
Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni