Stampa

Ebraismo - A. Matta

Westerbork di Rudol Breslauer

Ritrovate le pellicole del film di propaganda integrale. di Alessandro Matta
 
WesterborkIl campo di transito Westerbork fu, durante la seconda guerra mondiale, un campo di concentramento nazista. Già in precedenza, a partire dal 1939 sino al 1942, era stato usato dal Governo Olandese come campo per rifugiati. Tra il luglio 1942 ed il settembre 1944,  ogni martedì un treno composto da vagoni merci (i cosiddetti «trasporti») lasciava Westerbork con destinazione i campi di sterminio di Auschwitz-Birkenau e Sobibór, del campo di concentramento di Bergen-Belsen e nel ghetto «per anziani» di Theresienstadt.
Nel campo fu girato  un film di propaganda. Rudol Breslauer, un prigioniero ebreo internato a Westerbork incaricato dal comandante del campo di filmare un documentario  avrebbe dovuto mostrare l’ intera vita nel campo di transito: dalle baracche alle diverse attività lavorative anche forzate che si svolgevano in esso, sino alle attività sportive concesse solo a certe categorie di deportati in attesa del trasferimento a Est  e ad alcune immagini degli arrivi di nuovi deportati ebrei o della partenza di altri già presenti a Westerbork sui carri bestiame diretti in Polonia.
Il filmato, della durata totale di circa 2.30 , fu creduto perso dopo la guerra.
 
WesterborkNe rimase solo uno spezzone, divenuto parecchio famoso, che mostrava la partenza di due convogli di deportati ebrei  verso Auschwitz Birkenau: Il I convoglio era quello del 19 Maggio 1944 , il II convoglio ripreso quello del  2 Settembre 1944, l’ultimo convoglio di deportati ebrei partito dall’Olanda occupata prima della liberazione.
Di recente però un prodigioso ritrovamento. Gianluca Cardinaletti ha recuperato presso un archivio privato l’integrale filmato,  cinque pellicole per la durata di 30 minuti l’una.  
Il ritrovamento è di grossa importanza,  è stato informato anche lo stesso staff del Museo di Westerbork, che finora era riuscito a acquisire solo circa altri 40 minuti del film di Breslauer. Il film sarà ora analizzato, ma un dato è certo: si è ritrovato un importante documento storico.
 
30 giugno 2010