Stampa

Sicilia

Il cuore nero di Giuseppe Lo Cascio

Il regista palermitano si racconta in un’esclusiva intervista rilasciata a Cinemecum, mettendo in luce la propria carriera e il proprio operato, esprimendosi sul suo più celebre lavoro, "Cuore Nero", e anticipando news circa il progetto "La ragione dell’anima", teaser realizzato tra Palermo e Roma, trampolino di lancio per la produzione e realizzazione dell’omonimo e suo primo lungometraggio a circuito indipendente. di Luisa Mulè  Cascio
 
''Cuore Nero''Può iniziare raccontarci brevemente il suo iter professionale? 
Sono nato a Palermo nel 1970 dove, dopo gli studi (liceo artistico e Accademia di Belle Arti) ho cominciato a realizzare i miei primi cortometraggi. 
Successivamente, nel novembre del 1996, mi sono trasferito a Roma, città dove ho finalmente avuto l’occasione d’intraprendere diverse esperienze nel contesto professionale, ricoprendo ogni sorta di ruolo: assistente volontario, runner, segretario di edizione, aiuto regista… insomma quella che si può definire, con il solito termine, “la gavetta”, in cui ancora qualcuno crede. Da allora ho cercato in tutti i modi di fare esperienza, di conoscere e soprattutto guardare i film degli altri e ogni cosa mi stesse attorno. Ho girato numerosi corti, scritto diversi soggetti e sceneggiature, ho acquistato i mezzi indispensabili per ottenere una certa indipendenza, sia per le riprese che per il montaggio. Attualmente ho al mio attivo circa 35 produzioni tra cortometraggi, documentari, spot pubblicitari e video-clip musicali.

Come nasce "Cuore Nero", il suo cortometraggio vincitore di ben 4 premi assegnati dalla prestigiosa F.N.C., la Federazione Nazionale Cinevideoautori?
"Cuore Nero" nasce dalla particolare condizione interiore che stavo realmente vivendo già mentre lo scrivevo: una profonda amarezza, uno stato di solitudine interiore, determinato da un grande dolore, il dolore per una perdita importante… c’è molto di me in esso. Durante le riprese è accaduto un evento che ha rischiato di fermarne per sempre la realizzazione: dopo dieci giorni di riprese e tanta fatica, d’un tratto ci siamo dovuti fermare,e, cosa ancora peggiore, non potevamo più continuare, pur avendo girato il 70% della storia.
 
Giuseppe Lo Cascio e l'attrice Claudia Genolini
Vedere crollare tutto quello per cui avevo lavorato e faticato è stato orribile. Dopo una breve pausa ho rimesso mano al soggetto e alla sceneggiatura, e ho praticamente riscritto una storia completamente diversa, partendo dalle ceneri di un plot che non avrebbe potuto più avere il suo previsto finale, e che non si sarebbe potuto risolvere in altro modo.
Ho cambiato completamente la struttura narrativa, ho aggiunto un personaggio e ho riscritto il 50% del testo; successivamente ho ripreso a girare, (per altri dieci giorni) e ogni parola, ogni immagine, insomma ogni cosa, l’ho dovuta concepire e realizzare in modo tale da poterla contestualizzare con quanto avevo già girato, per far sì che la storia che volevo raccontare potesse ancora sopravvivere. Ho terminato le riprese e dopo parecchi giorni di montaggio è nato "Cuore Nero". C’è chi sostiene che, così come è venuto alla luce, sia migliore e più efficace di come sarebbe dovuto essere originariamente. Io, personalmente, mi limito a dire che spesso il dolore, la rabbia, e le “spalle al muro” possono spronarti a concepire idee e soluzioni che, proprio perché “estreme” per assurdo, al di là dei mezzi che hai avutoa disposizione e di  tutte le debolezze che questo ha determinato, possono divenire il punto di forza di ciò che hai realizzato, per cui credo che nel mio caso sia stato così. "Cuore Nero" ha ottenuto 4 importanti riconoscimenti da parte dell’autorevole F.N.C. (Federazione Nazionale Cinevideoautori), nel contesto del Fotoro 2008 rispettivamente: Premio migliore attore (Marco Venienti) – Migliore Montaggio, Migliore Colonnasonora (Maurizio Bignone) e poi il 2° posto (il fotogramma d’argento)  su competizione internazionale.

''Cuore Nero''
Cos’è la Undici-07 Production?
Da qualche anno è nata la UNDICI-07, fondata dal mio più stretto e fidato collaboratore,
Maurizio Bignone, che, dopo averla costituita, mi ha nominato “responsabile del settore cinema”. Il mio incontro professionale con Maurizio risale al lontano 1990 e, da allora, abbiamo sempre lavorato insieme. Lui è un musicista/compositore, e ha sempre curato le colonne sonore dei miei lavori; insieme, negli ultimi anni abbiamo vinto un totale di 31 premi nazionali, alcuni dei quali proprio per le migliori musiche originali La nostra società si occupa di cinema e musica, ed è per noi il punto di partenza dalla quale, attraverso molti anni di lavoro, stiamo cercando di raggiungere i nostri obiettivi professionali.

Può parlarci del suo ultimo progetto, "La ragione dell’anima", la cui prima parte delle riprese del teaser si è svolta quest’estate a Palermo, e recentemente sta avendo luogo la seconda parte delle riprese a Roma?
Il mio primo cortometraggio è datato 1990, da allora di strada io e Maurizio Bignone, il mio più stretto collaboratore, ne abbiamo fatta davvero parecchia. Lui si è sempre occupato di comporre le colonne sonore ed io tutto il resto, dalla scrittura alla regia, fotografia e montaggio. Adesso, dopo tanti anni di “onorata gavetta”, con un curriculum che ci vede vincitori di ben 31 premi nazionali e internazionali, finalmente stiamo per concretizzare il risultato di tanto impegno ed investimento, stiamo per dare il via alla produzione del nostro primo film di lungometraggio, dal titolo: "La ragione dell’anima". Si tratta di un progetto low budget, una nostra produzione indipendente, portata avanti con la Undici07 Production. Ad agosto siamo stati impegnati nelle riprese di un teaser (un demo-video) da noi interamente prodotto e realizzato con mezzi e personale della Undici07. Lo scopo basilare di questo investimento è la ricerca che stiamo attuando di altri produttori, finanziatori e sponsor potenzialmente interessati a possibili forme di collaborazione e coproduzione al nostro progetto.
 
''Cuore Nero''Il film, di cui sono anche autore del soggetto e della sceneggiatura, è di genere drammatico, forte, intenso, “politicamente scorretto”, che per scelta non cerca il consenso del grande pubblico da “cine panettone” o da “commediola all’italiana”. Riguardo al plot posso solo dire che si tratta di un racconto intimista, interiore, basato sul contrapporsi di anime inquiete, dove a regnare su tutto vi sono di certo le emozioni, i sentimenti, le reciproche “ragioni dell’anima” che ci spingono ad agire spesso contro ogni apparente logica, a prendere decisioni talvolta difficili ma, allo stesso tempo, inevitabili. La ragione dell’anima è come una corsa a occhi chiusi, che vede protagonisti uomini e donne giunti dinnanzi a un bivio che rappresenta per alcuni le scelta rivolta a un nuovo inizio, mentre per altri, un capolinea esistenziale, conseguenza di un ineluttabile destino. Attualmente a Roma stiamo ultimando la seconda parte delle riprese, particolarmente importanti per il nostro teaser, poiché vedranno la partecipazione, oltre che degli attori protagonisti del film, anche di altri attori, nomi e volti noti del cinema che, convinti dalla qualità del progetto, hanno accettato di partecipare.
Per qualsiasi informazione è possibile scriverci all’indirizzo e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; sito internet: www.laragionedellanima.com

''Cuore Nero'', Marco VenientiÈ possibile avere qualche piccola anticipazione sul cast?
Certamente. Protagonisti del film saranno due giovani e talentuosi attori, il toscano Marco Venienti, già protagonista del corto "Cuore Nero", per il quale ha ricevuto il premio come migliore interpretazione maschile al Fotoro 2008 di Trieste. Egli è un interprete, a mio parere, di straordinaria capacità espressiva e interpretativa che, a soli quarant’anni, può già vantare una lunga e significativa attività professionale nel teatro e, ultimamente, anche nel cinema e nella televisione. Proprio quest’estate gli sono stati affidati ruoli in due importanti produzioni: "Manuale d’amore 3", di Giovanni Veronesi, e la celebre serie tv "Squadra antimafia". La protagonista femminile sarà la romana Claudia Genolini, anch’ella giovane, poco più che ventenne, che ha già al suo attivo diverse esperienze in teatro, nella televisione, nel cinema, e una lunga attività in veste di doppiatrice professionista. Ho scelto Claudia Genolini a seguito di un lungo periodo di casting che ci ha visti impegnati per oltre tre mesi, durante il quale sono state provinate oltre cinquanta giovani attrici. Abbiamo scelto Claudia perché convinti che, nonostante la giovane età, abbia un grande talento e un’apprezzabile maturità professionale, il tutto arricchitoda un volto e da uno sguardo realmente interessanti, fuori dai beceri schemi del cinema commerciale che, aimè, ci propone sempre e soltanto bamboline inespressive e senza alcun carattere. Nel cast, naturalmente, vi saranno anche altri attori, come il noto e bravissimo Pietro del Silva, che ci onorerà della sua preziosa partecipazione, Astrid Meloni, Aurora Kellerman, Fabrizio Bordignon, Antonio Lanni e Kassim Yassin. Attualmente, stiamo cercando di coinvolgere anche il noto e bravissimo Luigi Diberti, e altri volti e nomi noti del cinema italiano per partecipazioni speciali e camei.

''Cuore Nero'' Michele D'AncaQuali sono invece i propositi e gli sviluppi in riferimento propriamente al film "La ragione dell’anima"? 
Sicuramente al primo posto c’è la speranza e tutta la volontà di riuscire a far partire la produzione e dunque le riprese, riuscire a portarle a termine nel migliore dei modi e, successivamente, superare lo scoglio più alto, la distribuzione nelle sale, argomento spinoso per tutti i registi indipendenti e probabilmente per buona parte di chi cerca di realizzare film di qualità formale e concettuale.

Per quando sono previste le relative riprese?
Se la diffusione e la promozione del progetto attraverso il suo sito internet e il relativo teaser daranno i loro auspicati frutti, dovremmo poter partire con le riprese nella prossima primavera 2011, questo almeno è il periodo che ci siamo prefissati per dare il via effettivo alla produzione.

Per quanto riguarda la location del film, sarà sempre divisa tra Palermo e Roma?
Sì, buona parte degli interni saranno sicuramente girati a Palermo e zone limitrofe, mentre gli altri ambienti e buona parte degli esterni saranno girati a Roma. Anche la troupe sarà “mista”, perché composta da coloro che hanno già collaborato con noi alle riprese del teaser e da altri tecnici e maestranze di Roma. Siamo un gruppo di lavoro già ben collaudato, riguardo al quale non posso non citare il nostro formidabile direttore di produzione Aloisio Gullo, il mio aiuto regista Martina Cavaliere (anche fotografa di produzione), Cetty Lo Cascio (trucco), Pietro Vaglica (assistente fotografia e riprese), Luisa Montaperto (edizione) e i tecnici di set: Fabio Guida e Gianfranco Mancuso, tutte persone di grande livello umano e professionale che lavorano in Sicilia, che colgo l’occasione di ringraziare per il loro impegno e per il prezioso aiuto datomi.

Lei s’intende di musica, curerà personalmente la colonna sonora del film? E del teaser?
Suono la batteria e le percussioni, ma non per questo curerò anche le musiche del film. A occuparsi della colonna sonora sarà come sempre il bravissimo maestro Maurizio Bignone che, come consuetudine, oltre alla composizione dei brani, si occuperà anche dell’arrangiamento e delle registrazioni, presso l’attrezzatissimo e professionale studio di registrazione di sua proprietà che, insieme a  molte altreattrezzature per la produzione audiovisiva, costituisce l’organico dei mezzi di cui dispone la Undici07 Production per le sue attività in ambito musicale e cinematografico.
29 settembre 2010