Indietro Avanti

Far rinascere la speranza in Africa con il cinema. Questo l’ambizioso progetto di Cine Yagoua:. “portare la scatola magica che accende la speranza in una cittadina al Nord del Cameroun,...

Leggi di più

Domenica 21 Gennaio 2018 ore 17.00 il CineClub Montiferru presenta il Teatro del Seminario, Via Vittorio Emanuele Cuglieri Comune di Cuglieri. Inside Out è la storia di una bambina, Riley...

Leggi di più

Tutto pronto per la seconda edizione del Premio Centottanta, il concorso a premi riservato a film-maker esordienti del territorio sardo. La partecipazione è gratuita e i termini delle domande sono...

Leggi di più

Ancora un mese per presentare i progetti cinematografici al concorso KENZEBOGHES 2017, organizzato dall’associazione Babel in collaborazione con Ejatv, Areavisuale Film e La Società Umanitaria –Cineteca Sarda di Cagliari. La...

Leggi di più

Ricca giornata di appuntamenti, sabato 10 dicembre, all’interno della decima edizione di Creuza de Mà. Si inizia alle 16, al MiniMax del teatro Massimo di Cagliari, con La musica per il...

Leggi di più

Si svolgerà dal 9 al 12 dicembre 2016 nella sala Primo Longobardo, sull’isola de La Maddalena il “secondo atto” del festival La valigia dell’attore, manifestazione intitolata a Gian Maria Volonté.Dopo...

Leggi di più

Ouverture nel segno di Pinuccio Sciola per la XII edizione di Passaggi d'Autore - Intrecci Mediterranei in programma dal 6 all'11 dicembre tra la Sala Consiliare del Comune e il...

Leggi di più

L’accabadora, film di Enrico Pau con Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Sara Serraiocco, Carolina Crescentini, è stato selezionato alla XXII edizione del Medfilm Festival nel concorso ufficiale. Il film sarà proiettato...

Leggi di più

Tutti i vincitori dell'ottava edizione della kermesse che guarda il mondo dal sud Sardegna. di C.P. Si conclude l’ottava edizione del Carbonia Film Festival. Soddisfazione da parte degli organizzatori del concorso...

Leggi di più

Si terranno venerdì 23 e sabato 24 settembre, a San Sperate (CA) le anteprime del Cagliari Film Festival.Il 23, in piazza San Giovanni, è in programma la proiezione di Il...

Leggi di più

Percorso

"Porco rosso" di Hayao Miyazaki

Il consiglio di Elisabetta Randaccio

''Porco rosso'' locandinaLe vie della distribuzione cinematografica sono misteriose. Solo dopo 18 anni, la “Buena Vista” e la “Lucky Red” (a cui, comunque, in questo caso, gli spettatori debbono essere grati) decidono che uno dei più bei film del maestro dell'animazione giapponese Hayao Miyazaki possa interessare il  pubblico italiano.

Così “Porco rosso”, realizzato nel 1992, esce nelle nostre sale, forse anche dopo il successo della sua riproposizione all'ultimo Festival di Roma, benché la pellicola fosse stata programmata già alla Mostra di Venezia del 2005, quando al  regista nipponico fu assegnato il meritato Leone alla carriera.
“Porco rosso” è un gioiello prezioso non solo all'interno del genere dell'animazione, ma per la storia del cinema contemporaneo. E' un'opera che rispetta i canoni estetici di Miyazaki e alcune sue topiche, ma, nello stesso tempo, risulta maggiormente avvincente, con una vicenda narrativamente  vicina pure ai modelli del noir o dell’ “avventura” (si pensi a tutto il filone “aviatorio” così diffuso negli anni Trenta). In questo contesto, non manca l'elemento magico-onirico, il quale caratterizza i capolavori di Miyazaki. In “Porco rosso”, infatti,  fino alla conclusione, non capiamo il motivo per cui il coraggioso pilota Marco Pagot (nome scelto dal regista giapponese in onore dei suoi  colleghi italiani  Nino e Toni Pagot, autori nel 1949 del primo lungometraggio di animazione a colori italiano: “I fratelli dinamite”) sia stato “punito” con la mutazione del viso in un muso di maiale. 

''Porco rosso''L'ultima onirica scena ce lo svelerà e qui siamo profondamente immersi nell'universo di sogni e di “misticismo” già scoperti in altre fatiche di Miyazaki dalla “Città incantata” (2001) al “Castello di Howl” (2004), da “Nausicaa” (1998) a “Ponjo” (2008). “Porco Rosso” è ambientato nell’Italia –stereotipata, ma affascinante - del primo dopoguerra, nella zona dell’alto Adriatico, di cui sono ricostruite le spiagge, i cieli, le piccole città. E’ un mondo di aviatori reduci dagli “eroismi” del primo conflitto mondiale, divisi tra chi ha scelto di diventare “un pirata” o un “cacciatore di taglie”, come appunto il nostro melanconico e finto cinico eroe. E dato che siamo negli anni Venti non mancano i fascisti aggressivi e confusionari.  A confondere le carte c’è la rivalità del pilota mutante e del bello e dissoluto Daniele Curtis, americano, antagonista del nostro, per la bella Gina, cantante in locali per contrabbandieri per la quale ambedue nutrono una travolgente passione. Ma c’è pure la giovane Fio, innamorata di Marco Pagot e anch’essa meccanica di aerei.
''Porco rosso''Un plot, come si è detto, di modalità classica, assai citazionista, per quanto punteggiato dalla poesia miyazakiana, dai suoi disegni, ormai divenuti classici, e dalla sua tendenza a un melodramma con implicazioni fortemente sociali.
Chi ama l’arte raffinata di Miyazaki non può perdere questo tassello fondamentale del suo percorso creativo, così originale e coinvolgente, dove la colonna sonora ha sempre la sua importanza basilare.
L’uscita natalizia (ma nel resto d’Italia è stato proposto a metà novembre) forse vuol rivolgersi al pubblico infantile, ma “Porco rosso” accontenta soprattutto gli adulti che riescono a riflettere sulla metafisica poetica di un regista dallo stile unico e indimenticabile.
22 dicembre 2010

 

Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni