Indietro Avanti

Far rinascere la speranza in Africa con il cinema. Questo l’ambizioso progetto di Cine Yagoua:. “portare la scatola magica che accende la speranza in una cittadina al Nord del Cameroun,...

Leggi di più

Domenica 21 Gennaio 2018 ore 17.00 il CineClub Montiferru presenta il Teatro del Seminario, Via Vittorio Emanuele Cuglieri Comune di Cuglieri. Inside Out è la storia di una bambina, Riley...

Leggi di più

Tutto pronto per la seconda edizione del Premio Centottanta, il concorso a premi riservato a film-maker esordienti del territorio sardo. La partecipazione è gratuita e i termini delle domande sono...

Leggi di più

Ancora un mese per presentare i progetti cinematografici al concorso KENZEBOGHES 2017, organizzato dall’associazione Babel in collaborazione con Ejatv, Areavisuale Film e La Società Umanitaria –Cineteca Sarda di Cagliari. La...

Leggi di più

Ricca giornata di appuntamenti, sabato 10 dicembre, all’interno della decima edizione di Creuza de Mà. Si inizia alle 16, al MiniMax del teatro Massimo di Cagliari, con La musica per il...

Leggi di più

Si svolgerà dal 9 al 12 dicembre 2016 nella sala Primo Longobardo, sull’isola de La Maddalena il “secondo atto” del festival La valigia dell’attore, manifestazione intitolata a Gian Maria Volonté.Dopo...

Leggi di più

Ouverture nel segno di Pinuccio Sciola per la XII edizione di Passaggi d'Autore - Intrecci Mediterranei in programma dal 6 all'11 dicembre tra la Sala Consiliare del Comune e il...

Leggi di più

L’accabadora, film di Enrico Pau con Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Sara Serraiocco, Carolina Crescentini, è stato selezionato alla XXII edizione del Medfilm Festival nel concorso ufficiale. Il film sarà proiettato...

Leggi di più

Tutti i vincitori dell'ottava edizione della kermesse che guarda il mondo dal sud Sardegna. di C.P. Si conclude l’ottava edizione del Carbonia Film Festival. Soddisfazione da parte degli organizzatori del concorso...

Leggi di più

Si terranno venerdì 23 e sabato 24 settembre, a San Sperate (CA) le anteprime del Cagliari Film Festival.Il 23, in piazza San Giovanni, è in programma la proiezione di Il...

Leggi di più

Percorso

"Good bye mama" di Michelle Bonev

Il consiglio di Elisabetta Randaccio

''Goodbye mama'' locandinaNell’Ottocento, il romanzo d’appendice, il “feuilleton” aveva il potere di coniugare storie eccessive d’amore e morte a riflessioni sulla società del primo capitalismo: le nuove metropoli inquinate e sovraffollate, le campagne svuotate, i rapporti familiari e di classe mutati, i nuovi sogni e i nuovi incubi. Queste vicende lunghe, complesse, ricche di agnizioni e colpi di scena ebbero il merito anche di appassionare alla lettura persino gli analfabeti, i quali si facevano leggere le puntate di tali romanzi avvincenti. Da un genere che, ben presto, rivelò, la sua complessità, era facile identificare i capolavori e le stupidità più assurde. Sociologicamente ogni elemento si può analizzare e commentare, ma mai perdere il senso dell’analisi estetica.
Il cinema ha avuto, in parte, la funzione del vecchio romanzo d’appendice per tanto tempo e, quando entrare in una sala, era l’unico divertimento possibile (economicamente) pure per le persone meno abbienti, nei giorni della ricostruzione dopo il dramma del secondo conflitto mondiale, una marea di film “feulletonistici” invasero il mercato. Storie manichee e semplicistiche, qualche volta firmate da autori di ottime capacità, che riuscivano a creare una forte empatia negli spettatori.
''Goodbye mama''Un genere concluso negli anni del boom economico e affidato, in qualche caso, alla “giovane”televisione, che avrà un suo specifico (soprattutto nei paesi dell’America latina) con la tipologia delle “telenovelas”.
Nel 2011 il cinema popolare ha intrapreso vie assolutamente differenti, sarebbe un assurdo riproporre senza coscienza critica o autoriale vicende “da fotoromanzo”. Eppure “Goodbye Mama” è questo: un polveroso e insopportabile “feuilleton” di bassa lega. La regista bulgara Michelle Bonev, forse, supponendosi una novella Orson Welles in versione femminile, dirige, scrive (?!), produce questa solenne cretinata, avendo dietro le spalle una distribuzione potente come la 01. Se si volesse tentare di capire il senso di tale bidone, si potrebbe teorizzare come la Bonev abbia cercato di descrivere un fenomeno assai delicato quanto la tendenza a riprodurre, da parte della vittima, la violenza  subita negli anni della formazione, oppure la distorta dinamica della famiglia contemporanea, nucleo, in certi casi, di piccoli orrori quotidiani. 
''Goodbye mama''Ma la tesi della Bonev è un pasticcio senza capo né coda, dove vorrebbe far entrare persino l’influenza del sistema del socialismo reale sulla cattiveria assoluta delle persone, e, soprattutto, con l’uso di inquadrature “da manuale”, ritrarre una donna-mostro (scena finale: ricca e matura si paga accompagnatori emarginati nelle notti solitarie bulgare..), la quale, nella sua mente confusa, dovrebbe ricordare i personaggi della Bette Davis di un tempo.
“Goodbye mama”, non manca di scene e dialoghi “stracult”, destinati ad un’antologia filmica del trash di domani.
La rabbia sta nel pensare ai lauti finanziamenti ricevuti dalla pellicola in maniera altrettanto “avventurosa”, che ci rendono ancora più depressi, pensando a quanti bei film sono stipati in “frigorifero”, perché non ritenuti, con giudizio assai discutibile, buoni investimenti commerciali. “Goodbye mama” lo sarebbe?
Neppure un marziano potrebbe puntare qualcosa su tale boiata, la quale ha incassato, nei giorni del lancio, quelli più importanti per il ritorno economico, in tutto il territorio nazionale la misera cifra di 65.000 euro, un flop da record.
Da dimenticare.
13 aprile 2011
Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni