Indietro Avanti

Far rinascere la speranza in Africa con il cinema. Questo l’ambizioso progetto di Cine Yagoua:. “portare la scatola magica che accende la speranza in una cittadina al Nord del Cameroun,...

Leggi di più

Domenica 21 Gennaio 2018 ore 17.00 il CineClub Montiferru presenta il Teatro del Seminario, Via Vittorio Emanuele Cuglieri Comune di Cuglieri. Inside Out è la storia di una bambina, Riley...

Leggi di più

Tutto pronto per la seconda edizione del Premio Centottanta, il concorso a premi riservato a film-maker esordienti del territorio sardo. La partecipazione è gratuita e i termini delle domande sono...

Leggi di più

Ancora un mese per presentare i progetti cinematografici al concorso KENZEBOGHES 2017, organizzato dall’associazione Babel in collaborazione con Ejatv, Areavisuale Film e La Società Umanitaria –Cineteca Sarda di Cagliari. La...

Leggi di più

Ricca giornata di appuntamenti, sabato 10 dicembre, all’interno della decima edizione di Creuza de Mà. Si inizia alle 16, al MiniMax del teatro Massimo di Cagliari, con La musica per il...

Leggi di più

Si svolgerà dal 9 al 12 dicembre 2016 nella sala Primo Longobardo, sull’isola de La Maddalena il “secondo atto” del festival La valigia dell’attore, manifestazione intitolata a Gian Maria Volonté.Dopo...

Leggi di più

Ouverture nel segno di Pinuccio Sciola per la XII edizione di Passaggi d'Autore - Intrecci Mediterranei in programma dal 6 all'11 dicembre tra la Sala Consiliare del Comune e il...

Leggi di più

L’accabadora, film di Enrico Pau con Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Sara Serraiocco, Carolina Crescentini, è stato selezionato alla XXII edizione del Medfilm Festival nel concorso ufficiale. Il film sarà proiettato...

Leggi di più

Tutti i vincitori dell'ottava edizione della kermesse che guarda il mondo dal sud Sardegna. di C.P. Si conclude l’ottava edizione del Carbonia Film Festival. Soddisfazione da parte degli organizzatori del concorso...

Leggi di più

Si terranno venerdì 23 e sabato 24 settembre, a San Sperate (CA) le anteprime del Cagliari Film Festival.Il 23, in piazza San Giovanni, è in programma la proiezione di Il...

Leggi di più

Percorso

"II primo incarico" di Giorgia Cecere

Il consiglio di Elisabetta Randaccio

''Il primo incarico'' locandinaLa vicenda di Nena, maestra alla prima sospirata mansione d'insegnamento, è ambientata in Puglia nel secondo dopoguerra, ma avrebbe avuto la stessa struttura drammaturgica anche se si fosse svolta in Sardegna, dove, negli anni in cui si dipana la narrazione de “Il primo incarico”, era avventuroso sia raggiungere le sedi assegnate per la docenza, sia riuscire ad organizzare il proprio lavoro in situazioni, spesso, prive di qualsiasi sostegno per la didattica, quando ancora l'analfabetismo, in Italia, era una piaga aperta.

Nena, infatti, è stata destinata a una classe rurale in un paesino lontano dalla città, con tutti i disagi che potevano caratterizzare le campagne del Sud in quel periodo di ricostruzione e di ancora diffusa miseria. La scuola è un piccolo tugurio, la camera,  affittata dalla giovane è, a dir poco, spartana, gli allievi sono accorpati in una sola classe, non abituati alla disciplina, ma neppure alla didattica, gli abitanti del paesino prevenuti nei confronti di una donna, che ha deciso di vivere da sola per potersi mantenere. Elementi di esistenza comuni alle insegnanti coraggiose dell'epoca, spesso giovanissime che hanno trovato la loro maturità nell'affrontare ambienti e situazioni assai diversi da quelli consueti.
''il primo incarico''Vista la giovane età di Nena, il primo incarico coincide con una sua crescita intellettuale e sentimentale importante. Tutto ciò che sembrava scontato, chiaro, evidente alla partenza, a conclusione dell'anno scolastico, sarà spazzato via da novità contraddittorie e insospettabili.
Giorgia Cecere, sceneggiatrice di ottimo mestiere (ha collaborato con buoni risultati ai film realizzati da Edoardo Winspeare), ha scelto una vicenda risolta con sensibilità e credibilità per la sua prima volta dietro la macchina da presa. Ovviamente, l'esordio di una regista fa sempre piacere in un ambiente, dove le donne non sono rappresentate in maniera soddisfacente. Peraltro, lo script del film è firmato anche da Li Xiang-Yan (autrice del soggetto con la Cecere) e da Pierpaolo Pirone (uno degli autori della sceneggiatura de “Il miracolo” di Winspeare).
''Il primo incarico''La Cecere dimostra qualità apprezzabili nelle scelte tecniche, nell'utilizzo di location efficaci, dove la natura è filmata come fosse un personaggio essenziale di una storia scandita dalle stagioni “scolastiche”, mentre gli interni sono ricostruiti con attenzione. La regista, poi, ha optato per un cast efficace, che contamina la recitazione di interpreti poco noti o non professionisti a quella della protagonista, Isabella Ragonese. L'attrice ha la possibilità -non comune nel cinema italiano- di lavorare su un personaggio sfaccettato e realistico, realizzando la sua prova migliore, finora.
La poetica e l'estetica della regista sono chiare e non dovute obbligatoriamente a un budget calmierato; Giorgia Cecere sembra interessata, infatti, a racconti per immagini basati sull'esplorazione psicologica e sociale.
''Il primo incarico''La sua Nena, certamente, è disegnata col senso di consapevolezza del presente, pensando a una donna che cerca di emanciparsi tra mille difficoltà e pregiudizi, ma è avvolta da un'aura anticipatrice di conquiste future.
Presentato nella sezione “Controcampo italiano” all'ultima edizione del Festival di Venezia, ha trovato una distribuzione, speriamo ottenga anche l'interesse e la curiosità degli spettatori.

15 giugno 2011

Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni