Indietro Avanti

Far rinascere la speranza in Africa con il cinema. Questo l’ambizioso progetto di Cine Yagoua:. “portare la scatola magica che accende la speranza in una cittadina al Nord del Cameroun,...

Leggi di più

Domenica 21 Gennaio 2018 ore 17.00 il CineClub Montiferru presenta il Teatro del Seminario, Via Vittorio Emanuele Cuglieri Comune di Cuglieri. Inside Out è la storia di una bambina, Riley...

Leggi di più

Tutto pronto per la seconda edizione del Premio Centottanta, il concorso a premi riservato a film-maker esordienti del territorio sardo. La partecipazione è gratuita e i termini delle domande sono...

Leggi di più

Ancora un mese per presentare i progetti cinematografici al concorso KENZEBOGHES 2017, organizzato dall’associazione Babel in collaborazione con Ejatv, Areavisuale Film e La Società Umanitaria –Cineteca Sarda di Cagliari. La...

Leggi di più

Ricca giornata di appuntamenti, sabato 10 dicembre, all’interno della decima edizione di Creuza de Mà. Si inizia alle 16, al MiniMax del teatro Massimo di Cagliari, con La musica per il...

Leggi di più

Si svolgerà dal 9 al 12 dicembre 2016 nella sala Primo Longobardo, sull’isola de La Maddalena il “secondo atto” del festival La valigia dell’attore, manifestazione intitolata a Gian Maria Volonté.Dopo...

Leggi di più

Ouverture nel segno di Pinuccio Sciola per la XII edizione di Passaggi d'Autore - Intrecci Mediterranei in programma dal 6 all'11 dicembre tra la Sala Consiliare del Comune e il...

Leggi di più

L’accabadora, film di Enrico Pau con Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Sara Serraiocco, Carolina Crescentini, è stato selezionato alla XXII edizione del Medfilm Festival nel concorso ufficiale. Il film sarà proiettato...

Leggi di più

Tutti i vincitori dell'ottava edizione della kermesse che guarda il mondo dal sud Sardegna. di C.P. Si conclude l’ottava edizione del Carbonia Film Festival. Soddisfazione da parte degli organizzatori del concorso...

Leggi di più

Si terranno venerdì 23 e sabato 24 settembre, a San Sperate (CA) le anteprime del Cagliari Film Festival.Il 23, in piazza San Giovanni, è in programma la proiezione di Il...

Leggi di più

Percorso

"Jersey boys" di Clint Eastwood

Il consiglio di Elisabetta Randaccio

''Jersey boys''Entrando nella multisala dove si proietta “Jersey boys”, ultimo film di Clint Eastwood, si può notare un bel manifesto che pubblicizza la riedizione della trilogia del dollaro di Sergio Leone, appuntamento da non perdere anche per chi conosce a memoria quei capolavori.

Nel suddetto manifesto, lo spazio è riservato al Clint esordiente: lo “straniero senza nome” che iniziò in Italia la sua lunga e straordinaria carriera. Quell'uomo bello e talentuoso è diventato uno dei registi più importanti del cinema contemporaneo, il frutto di un sogno americano (passando, come si è detto per il nostro paese) nato nella gavetta televisiva, nei primi serial di successo in un periodo in cui il piccolo schermo diventa essenziale nell'immaginario popolare.

''Jersey boys''Infatti, nella vicenda dei “Jersey boys”, ambientato tra i cinquanta e i sessanta, la televisione è sempre accesa, mentre passano film, telefilm, show e quiz. Proprio alcuni fotogrammi di un lungometraggio di Allan Dwan visti in TV, dà l'input a Bob Gaudio a scrivere per il suo gruppo “Four Season” la canzone “Big girls don't cry”, ma, omaggiandosi con una certa ironia, Eastwood mostra, in un'altra sequenza, una brevissima scena del telefilm western “Rawhide”, dove fu protagonista e che Sergio Leone notò prima di concludere il cast di “Per un pugno di dollari” (1964).
Gli anni sessanta, nel versante provinciale cialtrone, sono evocati in “Jersey boys” con buona cura, rimanendo fedele a un  musical di grande successo ancora presente (dal 2005 anno del suo debutto) nei palcoscenici di Londra e Broadway e scritto da Rick Elice e Marshall Brickman, quest'ultimo sceneggiatore di una fetta importante dell'opera di Woody Allen, compreso il capolavoro “Manhattan” (1980).

''Jersey boys''Per apprezzare la vicenda dei quattro ragazzi che proposero un sound decisamente originale alla fine degli anni cinquanta, formando una band, la quale, come ogni gruppo musicale, percorse la parabola del successo collettivo, delle liti, delle scissioni, della riconquista del pubblico con il solista, bisogna andare oltre la prima parte. Infatti, il tratto iniziale di “Jersey boys”, quello dedicato all'adolescenza incerta tra gangsterismo e amore per la musica dei quattro ragazzi per le strade del quartiere italo americano di Belleville, New Jersey, non decolla, è confusionario nel montaggio, banale nel disegno dei personaggi, dunque è difficile persino tollerare il quartetto di bruttini che cantano.

''Jersey boys''Poi, però, il film si stabilizza nelle corde della malinconia, nel passaggio all'età adulta più cinica, i protagonisti non suggeriscono alcuna empatia, ma sono inseriti credibilmente nell'universo di felicità e di incubo caratterizzante lo show business. A questo punto, le parti musicali, con i toni e le movenze dei cantanti destinate a fare epoca e  a produrre una marea di imitatori, si compattano e diventano una chiave di lettura per le scelte di vita dei personaggi. Soprattutto la “stagione invernale” è quella più riuscita, in cui Frankie Valli (interpretato da John Lloyd Young, protagonista anche dei “Jersey boys” teatrale) vede il suo mondo cadere giù per poi rigenerarsi, come è ovvio in un musical, attraverso una canzone banalotta (“Can't take my eyes off of you”), ma di enorme successo, diventata un evergreen.   

''Jersey boys''Anche il finale, commento ai titoli di coda, come accadeva nel “Milionario” (2008) di Danny Boyle, mentre dà a tutto il cast l'occasione per un corale ballo fotografato nei colori della pop art, nel fermo immagine sembra alludere a una società e a una tipologia di film scomparsi, già “falsi” nel momento della loro generazione. Gli attori vengono immobilizzati in un'espressione da manichino: la gioia di vivere è finita lì, la presunta innocenza e ingenuità dell'America di quegli anni si conclude nelle note di una canzone destinata a un ricordo lontano.

25 giugno 2014

Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni