Stampa

Quattro milioni e due novità. Ecco a chi vanno i soldi della Ras

Finanziamenti della Regione Sardegna

200mila euro per un’opera prima e nuovi fondi agli esclusi 2015. di Carlo Poddighe

Duecento mila euro della quota dello stanziamento 2016, riservata alla coproduzione di lungometraggi (1milione 650 mila euro), sarà destinata alla realizzazione di un’opera prima. È questa la principale novità della delibera della Giunta regionale che assegna al settore i quattro milioni di euro stanziati in Finanziaria per lo sviluppo del cinema in Sardegna.

“Investiamo nella creatività dei giovani e degli autori esordienti”, ha detto l'assessore regionale alla Cultura, Claudia Firino, presentando la novità 2016. "Nel 2015, dopo cinque anni abbiamo riaperto i bandi per il cinema, e per il secondo anno diamo continuità e sostegno al settore”.

L'assessore Claudia Firino, Gianfranco CabidduAltra novità, con i fondi della Manovra economica 2016 verranno finanziati anche alcuni lavori che nel 2015 erano rimasti fuori dai contributi regionali. “Per il bando precedente le richieste sono state numerose e per ragioni economiche non potevano essere tutte accolte”, ha spiegato la Firino. “Solo per quest’anno dunque, in vista di una regolarizzazione delle procedure e con la riapertura dei nuovi bandi, si è deciso di scorrere le graduatorie 2015 e finanziare i lavori meritevoli di lungo e cortometraggio, destinando loro una parte dei fondi”.

Ripartizione. I 4 milioni di euro saranno così ripartiti: 550 mila euro andranno alla Fondazione Sardegna Film Commission, che riceverà altri 400 mila euro di contributo, stabilito dalla Legge di stabilità 2016, che prevede anche ulteriori 25 mila euro per l’Associazione Argonauti che si occuperà dell’organizzazione della rassegna cinematografica “Festival di Tavolara”. Altri 21,5 mila euro copriranno le spese per il funzionamento della Commissione tecnico-artistica e per la Consulta regionale per il Cinema.

Per lo sviluppo della sceneggiatura andranno 200 mila euro, 250 mila saranno destinati alla produzione di cortometraggi, 140 mila euro ai progetti di diffusione e distribuzione di opere cinematografiche di interesse regionale. Per la coproduzione di lungometraggi 1milione 650 mila euro.Sono destinati 743,5 mila euro a eventi di Promozione della Cultura Cinematografica, come circuiti, rassegne e festival, e ancora 445 mila euro alla didattica e alla ricerca sul cinema e l’audiovisivo.

22 giugno 2016