Indietro Avanti

Ricca giornata di appuntamenti, sabato 10 dicembre, all’interno della decima edizione di Creuza de Mà. Si inizia alle 16, al MiniMax del teatro Massimo di Cagliari, con La musica per il...

Leggi di più

Si svolgerà dal 9 al 12 dicembre 2016 nella sala Primo Longobardo, sull’isola de La Maddalena il “secondo atto” del festival La valigia dell’attore, manifestazione intitolata a Gian Maria Volonté.Dopo...

Leggi di più

Ouverture nel segno di Pinuccio Sciola per la XII edizione di Passaggi d'Autore - Intrecci Mediterranei in programma dal 6 all'11 dicembre tra la Sala Consiliare del Comune e il...

Leggi di più

L’accabadora, film di Enrico Pau con Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Sara Serraiocco, Carolina Crescentini, è stato selezionato alla XXII edizione del Medfilm Festival nel concorso ufficiale. Il film sarà proiettato...

Leggi di più

Tutti i vincitori dell'ottava edizione della kermesse che guarda il mondo dal sud Sardegna. di C.P. Si conclude l’ottava edizione del Carbonia Film Festival. Soddisfazione da parte degli organizzatori del concorso...

Leggi di più

Si terranno venerdì 23 e sabato 24 settembre, a San Sperate (CA) le anteprime del Cagliari Film Festival.Il 23, in piazza San Giovanni, è in programma la proiezione di Il...

Leggi di più

Si svolgerà da lunedì 8 agosto e si concluderà martedì 16 agosto l’ottava edizione della International Master Class 2016: la stagione concertistica dell’Orchestra da camera della Sardegna.Ospitata nella provincia di...

Leggi di più

Un bando da 450mila euro per produzioni italiane, europee ed extraeuropee che presentino progetti di lungometraggio, Film TV/Web, Serie TV/Web, Format TV, Documentari/Docufiction/Serie TV/Web Doc.Queste le risorse del Fondo Sardegna...

Leggi di più

La Lux Vide Spa, società di produzione leader in Italia e in Europa (Don Matteo, Nati ieri, La Bella e la Bestia), ricerca attori e aspiranti attori per ruoli e...

Leggi di più

Duecento mila euro della quota dello stanziamento 2016, riservata alla coproduzione di lungometraggi (1milione 650 mila euro), sarà destinata alla realizzazione di un’opera prima. È questa la principale novità della...

Leggi di più

Percorso

''Captain Fantastic'' di Matt Ross

Il consiglio di Elisabetta Randaccio

''Captain Fantastic''Come in un film della New Hollywood degli anni settanta, di cui conserva la struttura tecnica, i colori marciti e il centrale tema del viaggio come spostamento formativo da una "frontiera" all'altra, "Captain Fantastic" di Matt Ross ci fa riflettere sulle possibiltà e sui fallimenti delle utopie politiche, sociali, etiche. Il protagonista Ben Cash - uno straordinario Viggo Mortensen - ha un cognome pesantemente simbolico da rimuovere come l'identità prefigurata di dover essere un cittadino solerte di una società capitalista e edonista.

 

''Captain Fantastic''Dunque la scelta, condivisa dalla moglie, ex avvocato figlia di miliardari, è di creare una vita alternativa con i sei figli da educare lontano dal consumismo, dall'individualismo, dal politically correct che vuole i bambini super protetti dai fantasmi ossessivi dei genitori, ma privati del senso di autonomia e indipendenza, poco creativi e curiosi. Il progetto dei coniugi Cash è abbastanza confusionario, poco politico e impostato ancora su alcuni valori tipici della mentalità americana, come l'importanza di sapersi difendere fisicamente, per esempio. Ma pedagogicamente i figli, a cui non si nasconde la realtà della vita, geniali nell'apprendere facilmente l'istruzione non imposta, privi di repressioni e vizi inutili, non scivolano nella fragilità psicologica e mostrano una energia inusuale.

''Captain Fantastic''Il resto lo fa il contatto con la natura (anche con la morte e il sangue, come accadeva per i fanciulli che vivevano nelle fattorie dell'Ottocento) e il senso di totale libertà. E, poi, perché festeggiare e darsi i regali il giorno in cui dovrebbe essere dedicato a Babbo Natale, un elfo grasso immaginario, e non in quello in cui nacque il grande Noam Chomsky? Evidentemente, però, qualcosa non funziona se la mamma cade in una sorta di devastante depressione e deve andare a curarsi nella città dove vivono i genitori, scegliendo, infine, il suicidio. Da questo momento, niente è più come prima e la famiglia si deve spostare con un pullmino d'altri tempi chiamato "Steve", verso la "civiltà" per far rispettare le ultime volontà della donna, ovvero farsi cremare e disperdere le sue ceneri nella fogna.

''Captain Fantastic''In questo modo, tutti si incontreranno e scontreranno con un mondo conosciuto in teoria, ma non nella pratica, con svariate e complicate, a volte esilaranti, conseguenze.
"Captain Fantastic" è uno di quei film capaci di riappacificarci con Hollywood: dunque si possono realizzare bei film, anche divertenti e di ottima fattura che non siano remake, reboot, macigni con supereroi o commedie cretine e animazioni già viste? Matt Ross è alla sua seconda prova e ha convinto chiunque dal "Sundance" a "Cannes", servendosi di attori bravissimi (ovviamente il giovane cast, ma anche Frank Langella nel ruolo di un nonno severo) e di una bella sceneggiatura firmata da lui stesso (forse con riferimenti alla propria autobiografia), che ne è la forza portante. Non siamo più negli anni settanta e, dunque, la grigia amarezza è smorzata da una dose di ottimismo immerso nell'ironia. Ma un apparente finale aperto può farci ancora discutere.

21 dicembre 2016

Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni