Indietro Avanti

Ancora un mese per presentare i progetti cinematografici al concorso KENZEBOGHES 2017, organizzato dall’associazione Babel in collaborazione con Ejatv, Areavisuale Film e La Società Umanitaria –Cineteca Sarda di Cagliari. La...

Leggi di più

Ricca giornata di appuntamenti, sabato 10 dicembre, all’interno della decima edizione di Creuza de Mà. Si inizia alle 16, al MiniMax del teatro Massimo di Cagliari, con La musica per il...

Leggi di più

Si svolgerà dal 9 al 12 dicembre 2016 nella sala Primo Longobardo, sull’isola de La Maddalena il “secondo atto” del festival La valigia dell’attore, manifestazione intitolata a Gian Maria Volonté.Dopo...

Leggi di più

Ouverture nel segno di Pinuccio Sciola per la XII edizione di Passaggi d'Autore - Intrecci Mediterranei in programma dal 6 all'11 dicembre tra la Sala Consiliare del Comune e il...

Leggi di più

L’accabadora, film di Enrico Pau con Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Sara Serraiocco, Carolina Crescentini, è stato selezionato alla XXII edizione del Medfilm Festival nel concorso ufficiale. Il film sarà proiettato...

Leggi di più

Tutti i vincitori dell'ottava edizione della kermesse che guarda il mondo dal sud Sardegna. di C.P. Si conclude l’ottava edizione del Carbonia Film Festival. Soddisfazione da parte degli organizzatori del concorso...

Leggi di più

Si terranno venerdì 23 e sabato 24 settembre, a San Sperate (CA) le anteprime del Cagliari Film Festival.Il 23, in piazza San Giovanni, è in programma la proiezione di Il...

Leggi di più

Si svolgerà da lunedì 8 agosto e si concluderà martedì 16 agosto l’ottava edizione della International Master Class 2016: la stagione concertistica dell’Orchestra da camera della Sardegna.Ospitata nella provincia di...

Leggi di più

Un bando da 450mila euro per produzioni italiane, europee ed extraeuropee che presentino progetti di lungometraggio, Film TV/Web, Serie TV/Web, Format TV, Documentari/Docufiction/Serie TV/Web Doc.Queste le risorse del Fondo Sardegna...

Leggi di più

La Lux Vide Spa, società di produzione leader in Italia e in Europa (Don Matteo, Nati ieri, La Bella e la Bestia), ricerca attori e aspiranti attori per ruoli e...

Leggi di più

Percorso

Musica per immagini: l’arte di Fabrizio Campanelli

Fabrizio Campanelli

Comporre per il cinema e non solo. I segreti di chi ha messo le note alle gambe di Jiulia Roberts nell’intervista di Anna Brotzu

Il fascino delle note per un racconto per immagini: il musicista e compositore Fabrizio Campanelli - autore delle musiche di Nemiche per la pelle e Solo un padre - ha scritto la colonna sonora della nuova commedia di Luca Lucini, Come diventare grandi nonostante i genitori (Trailer) - prodotta da da Piero Crispino per 3ZERO2 e The Walt Disney Company Italia.

Un film sul tema delicato e complesso dell'adolescenza – e su “the dark side”, il lato oscuro della mente e dell'animo umano – che mette in risalto conflitti generazionali e inevitabili incomprensioni tra genitori e figli, privilegiando il punto di vista e la sensibilità dei giovani protagonisti.

''Solo un padre''Un nuovo capitolo del felice sodalizio tra il regista e il compositore (dopo il successo di “Solo un padre”, candidato al David di Donatello per la canzone “Per Fare a Meno di Te” interpretata da Giorgia e ai Nastri d'Argento e al Golden Graal e l'originale e divertente “Nemiche per la pelle” con Margherita Buy e Claudia Gerini): “Come diventare grandi nonostante i genitori” - con un interessante cast in cui spiccano i nomi di Margherita Buy e Giovanna Mezzogiorno accanto a Matthew Modine - indaga l'universo giovanile attraverso le storie di un gruppo di ragazzi appassionati di musica. Fulcro della loro esistenza è la scuola, non solo per le lezioni e i normali impegni di studio, le amicizie e gli incontri importanti, ma anche per l'attesa (ma negata) partecipazione ad un concorso in cui potranno dar prova del loro talento: le scelte della nuova preside e l'atteggiamento dei genitori mettono in crisi non solo ambizioni e speranze ma l'intero microcosmo, facendo emergere fragilità individuali, oltre a determinazione e carisma.

Sottolinea Fabrizio Campanelli: «Sceneggiatura e messa in scena sono i due elementi fondamentali nel dettare scaletta e tempi del lavoro. La musica per immagini corre come un treno su due binari: la funzione e l'estetica. Il primo è condizione necessaria per scrivere una buona colonna; se la musica funziona, si "incolla" alla scena e i due flussi, sonoro e visivo, si integrano in un tutto che è più della somma delle parti. Il secondo binario è quello estetico, intrinseco alla forma musicale in sé. È in grado di elevare la percezione della colonna e di distinguerla, donando allo stesso tempo profondità al film».

''Nemiche per la pelle''La parola all'artista – vincitore del 44° Key Award con “Lovely On My Hand” per la campagna pubblicitaria di Calzedonia con Julia Roberts (vai allo spot), nonché autore della colonna sonora di “Fukushima: A Nuclear Story” di Matteo Gagliardi (presentato anche a Cagliari e nell'Isola) e delle musiche di scena per Design Dance (apertura ufficiale del Salone del Mobile 2012) e Meet Design alla Fiera del Design di Pechino 2012 e per installazioni evento come Where Architects Live, prodotta da COSMIT per il Salone del Mobile 2014. Sue anche le colonne sonore della “Storia della Shoah” (UTET) e della “Storia della prima Repubblica” (UTET) di Paolo Mieli, per spot pubblicitari – oltre a Calzedonia, la Fiat, Intimissimi, Generali, Ferrero, Indesit, Farmindustria, Manetti&Roberts – e sigle televisive, in particolare per il canale ‘Classica ‘di Sky. e per vari film corporate fra cui Cantine Ferrari, Molteni&C, Mont Blanc, Menarini.

Qual è la cifra - o il tema dominante se preferisce - della colonna sonora di “Come diventare grandi nonostante i genitori”?
I sogni sono il bene più prezioso che ci è stato dato. La chiave è lì, nel de-siderare, quindi nelle stelle. E’ il tema che si ripresenta musicalmente in varie forme, in parallelo a quello del rapporto genitori e figli, un tema di confronto dolce perché l’amore del genitore è a priori.

''Diventare grandi nonostante i genitori''Da cosa è partito (sceneggiatura, immagini, dialoghi con il regista) e come ha sviluppato il lavoro?
Tema principale e canzoni a partire dalla sceneggiatura, perché ovviamente dovevano essere scritti prima delle riprese. Poi, tutto sulle immagini e sul montaggio in divenire, in continuo dialogo con il regista, la montatrice e il produttore.

Quali elementi e dettagli l'hanno particolarmente ispirata?
Il rapporto fra strumenti singoli e insieme, specchio del gioco fra i ragazzi e il loro mondo; la dinamica del percorso psicologico dei protagonisti che si muove fra speranza, delusione, proposizione e vittoria che si riflette nella varietà delle declinazioni arrangiative e timbriche utilizzate; la bellezza, la ricchezza e la bellissima luce di ogni singola inquadratura frutto di una regia sapiente e attenta al dettaglio e un montaggio straordinariamente attento alla relazione audiovisiva, dinamico e arioso allo stesso tempo e i ragazzi che hanno dato il meglio di sé.

Ci son state “correzioni” e variazioni in sede di scrittura... o di sceneggiatura?
Costruire un percorso di un’ora e mezzo con un elevato numero di personaggi da portare avanti è un’operazione complessa che comporta scelte, tentativi e rimaneggiamenti. La musica segue inevitabilmente lo stesso percorso che tutto ha, tranne che certezze, ma se un tema è ben disegnato sulla storia o sui personaggi, è in grado di muoversi e di adattarsi rimanendo ben ancorato, senza modificare la propria natura.

Focus sulle “controindicazioni” dell'adolescenza – l'essere quasi adulti ma essere trattati come ragazzini: come ha affrontato questo aspetto in senso musicale?
La musica racconta quella che è una vera e propria favola. Nella favola la minaccia è “disattivata” con lo spostamento nel fantastico e così fa la musica, che si muove presentando gli elementi di disagio in una forma percepita come “controllabile” e quindi rendendo piacevole oltre a una vittoria, anche una lacrima. E’ il bello del cinema.

''Diventare grandi nonostante i genitori''Il suo metodo di lavoro - all'interno del complesso meccanismo della produzione cinematografica? Quanto conta l'ispirazione e quanto la “tecnica”?
I tempi sono sempre strettissimi, per un motivo o per un altro. Lo score è un puzzle che si completa pian piano ed è fondamentale darsi un programma generale con obiettivi di scrittura giornalieri. E non si può sbagliare. La tecnica può aiutare la velocità ma come dice Borges «Scrivere non è niente più di un sogno che porta consiglio». L’ispirazione è l’autoinduzione di questo sogno.

La sua esperienza è molto ampia – in termini di generi e stili - e fortunata: che cosa la intriga, le interessa e la diverte di più del suo lavoro?
La cosa allo stesso tempo più bella e più difficile è la possibilità di cambiare personalità ogni volta, passando ad esempio da una musica sinfonica ad una completamente elettronica, a vivere le mille vite di un attore.

Da spettatore... in che modo “ascolta” la colonna sonora di un film?
Se è fatta bene riesce a non farsi ascoltare e se è perfettamente incollata alla scena la narrazione dell’insieme mi rapisce e vince sulla mia attenzione razionale. Al punto che alla fine di qualche film capiti di ritrovarmi a tornare indietro su qualche scena per capire bene cosa avevo sentito di così bello da colpirmi!

Una colonna sonora che avrebbe voluto scrivere?
'American Beauty'

21 dicembre 2016

 

Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni