Indietro Avanti

Ancora un mese per presentare i progetti cinematografici al concorso KENZEBOGHES 2017, organizzato dall’associazione Babel in collaborazione con Ejatv, Areavisuale Film e La Società Umanitaria –Cineteca Sarda di Cagliari. La...

Leggi di più

Ricca giornata di appuntamenti, sabato 10 dicembre, all’interno della decima edizione di Creuza de Mà. Si inizia alle 16, al MiniMax del teatro Massimo di Cagliari, con La musica per il...

Leggi di più

Si svolgerà dal 9 al 12 dicembre 2016 nella sala Primo Longobardo, sull’isola de La Maddalena il “secondo atto” del festival La valigia dell’attore, manifestazione intitolata a Gian Maria Volonté.Dopo...

Leggi di più

Ouverture nel segno di Pinuccio Sciola per la XII edizione di Passaggi d'Autore - Intrecci Mediterranei in programma dal 6 all'11 dicembre tra la Sala Consiliare del Comune e il...

Leggi di più

L’accabadora, film di Enrico Pau con Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Sara Serraiocco, Carolina Crescentini, è stato selezionato alla XXII edizione del Medfilm Festival nel concorso ufficiale. Il film sarà proiettato...

Leggi di più

Tutti i vincitori dell'ottava edizione della kermesse che guarda il mondo dal sud Sardegna. di C.P. Si conclude l’ottava edizione del Carbonia Film Festival. Soddisfazione da parte degli organizzatori del concorso...

Leggi di più

Si terranno venerdì 23 e sabato 24 settembre, a San Sperate (CA) le anteprime del Cagliari Film Festival.Il 23, in piazza San Giovanni, è in programma la proiezione di Il...

Leggi di più

Si svolgerà da lunedì 8 agosto e si concluderà martedì 16 agosto l’ottava edizione della International Master Class 2016: la stagione concertistica dell’Orchestra da camera della Sardegna.Ospitata nella provincia di...

Leggi di più

Un bando da 450mila euro per produzioni italiane, europee ed extraeuropee che presentino progetti di lungometraggio, Film TV/Web, Serie TV/Web, Format TV, Documentari/Docufiction/Serie TV/Web Doc.Queste le risorse del Fondo Sardegna...

Leggi di più

La Lux Vide Spa, società di produzione leader in Italia e in Europa (Don Matteo, Nati ieri, La Bella e la Bestia), ricerca attori e aspiranti attori per ruoli e...

Leggi di più

Percorso

Donne che girano in Sardegna

''Figlia mia'' - ph. Alessandro Toscano

Sul set del nuovo film di Laura Bispuri ''Figlia mia'', con Valeria GolinoAlba Rohrwacher. Di Fabrizio Lamantia

La luce accecante dello stagno di Cabras fa da sfondo alla scena più drammatica, e più ricca di pathos, di “Figlia Mia”, il nuovo lavoro di Laura Bispuri, co-prodotto da Italia, Germania e Svizzera e prodotto da Marta Donzelli e Gregorio Paonessa con il sostegno del Mibact e della Regione Sardegna – tramite la Film Commission.

Laura Bispuri - ph. Vivo filmTra il mare e la sabbia, circondate dai cavalli della Giara che scalpitano in un rodeo, c’è una bambina dai capelli di rame (Sara Casu dieci anni, di Alghero), che combatte con uno dei fantasmi del nostro tempo: la ricerca della propria identità.

Perché la bimba ha due madri. Da un lato la madre adottiva, l’unica che fino a quel momento ha conosciuto: Valeria Golino. Dall’altra la madre naturale - Alba Rohrwacher. In mezzo, oltre al padre, quel Michele Carboni già visto e apprezzato in Ballo a tre passi, c’è solo il sole. Il raggio illuminante e accecante della verità.

''Figlia mia'' - ph. Alessandro Toscano“Questa avventura è cominciata per caso” spiega la picocla Sara, che in scena interpreta Vittoria. “Stavo camminando con mio padre, ad Alghero, quando abbiamo letto l’annuncio: cercavano una bambina per recitare in un film. Ho fatto due provini, ora sono qui”.
“Le riprese hanno avuto una durata di sei settimane con una troupe di una sessantina di persone ospitate nel comune di Cabras. Le location hanno coinvolto i Comuni di Cabras, Riola Sardo, San Vero Milis e Oliena” dice la produttrice Marta Donzelli. “La storia è stata ritagliata su misura su questi luoghi: visitati, scelti, vissuti perché qui la storia affonda le sue radici”.

''Figlia mia'' - ph. Alessandro ToscanoFiglia Mia” è ambientato nella Sardegna odierna. È l’Odissea di una bambina e di due donne adulte. Valeria Golino porta un vestito bianco a chiazze azzurre e, all’anulare sinistro, una grossa fede d’oro. Questa storia la sente, profondamente. “In scena sono Tina, una donna sposata con Michele” racconta l’attrice, “una madre attenta, premurosa, lavoratrice, che crede di aver trovato nella sicurezza della famiglia che ha costruito tutto ciò che cercava: una bolla, uno scrigno di felicità. Tina dalla vita ha avuto un dono: una bambina che non ha partorito. Ma un giorno arriva, inaspettato, il momento della resa dei conti. Fa il suo ingresso in scena Alba Rohrwacher, la mamma naturale.

''Figlia mia'' - ph. Alessandro Toscano“Il film si domanda cosa significa, oggi come ieri, essere madri” spiega la Rohrwacher. Entrambe le protagoniste, infatti, incarnano questa figura così carica di simboli. “Come la Sardegna: che è una madre, e che accoglie”. In scena, Alba Rohrwacher per la prima volta lavora con un’amica: Valeria Golino. “Valeria è bellissima, in tutti i sensi” dice l’attrice. Con lei provo da sempre una sensazione di familiarità. Siamo come due giocatrici che giocano insieme nella stessa squadra, con il medesimo scopo, con le stesse regole: una sintonia completa. E’ stato bello lavorare insieme”.

17 luglio 2017

Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni