Indietro Avanti

Ancora un mese per presentare i progetti cinematografici al concorso KENZEBOGHES 2017, organizzato dall’associazione Babel in collaborazione con Ejatv, Areavisuale Film e La Società Umanitaria –Cineteca Sarda di Cagliari. La...

Leggi di più

Ricca giornata di appuntamenti, sabato 10 dicembre, all’interno della decima edizione di Creuza de Mà. Si inizia alle 16, al MiniMax del teatro Massimo di Cagliari, con La musica per il...

Leggi di più

Si svolgerà dal 9 al 12 dicembre 2016 nella sala Primo Longobardo, sull’isola de La Maddalena il “secondo atto” del festival La valigia dell’attore, manifestazione intitolata a Gian Maria Volonté.Dopo...

Leggi di più

Ouverture nel segno di Pinuccio Sciola per la XII edizione di Passaggi d'Autore - Intrecci Mediterranei in programma dal 6 all'11 dicembre tra la Sala Consiliare del Comune e il...

Leggi di più

L’accabadora, film di Enrico Pau con Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Sara Serraiocco, Carolina Crescentini, è stato selezionato alla XXII edizione del Medfilm Festival nel concorso ufficiale. Il film sarà proiettato...

Leggi di più

Tutti i vincitori dell'ottava edizione della kermesse che guarda il mondo dal sud Sardegna. di C.P. Si conclude l’ottava edizione del Carbonia Film Festival. Soddisfazione da parte degli organizzatori del concorso...

Leggi di più

Si terranno venerdì 23 e sabato 24 settembre, a San Sperate (CA) le anteprime del Cagliari Film Festival.Il 23, in piazza San Giovanni, è in programma la proiezione di Il...

Leggi di più

Si svolgerà da lunedì 8 agosto e si concluderà martedì 16 agosto l’ottava edizione della International Master Class 2016: la stagione concertistica dell’Orchestra da camera della Sardegna.Ospitata nella provincia di...

Leggi di più

Un bando da 450mila euro per produzioni italiane, europee ed extraeuropee che presentino progetti di lungometraggio, Film TV/Web, Serie TV/Web, Format TV, Documentari/Docufiction/Serie TV/Web Doc.Queste le risorse del Fondo Sardegna...

Leggi di più

La Lux Vide Spa, società di produzione leader in Italia e in Europa (Don Matteo, Nati ieri, La Bella e la Bestia), ricerca attori e aspiranti attori per ruoli e...

Leggi di più

Percorso

Marcello Marchesi il genio assoluto

Marcello Marchesi

La sua vita in Sardegna tra la Giara e il mare del Sinis

Quasi quarant’anni fa il mare di San Giovanni di Sinis inghiottiva un milanese di nascita, un romano d’adozione  e il marito di una ragazza sarda, Enrica Sisti che quasi due anni  prima gli diede un figlio, “Quest’anno abbiamo fatto il Massimo”, disse  con uno dei suoi  soliti giochi  di parole.

Il 19 luglio del 1978, Marcello Marchesi, scrittore, regista, attore  e un’ altra mezza dozzina di professioni, in due parole, genio assoluto, dopo aver sbattuto la testa in uno scoglio, annegava nel litorale di Cabras. Nella sua casa di fronte alla Giara, a Setzu, paese della moglie, lavorava senza fatica a tanti altri progetti. Setzu pochi anni fa, gli ha intitolato la biblioteca.

Marcello MarchesiAnche se Marchesi merita  molto altro e non solo in Sardegna. Era un giocoliere delle parole, per certi versi superiore a Flaiano e a Longanesi. Una persona dalla cultura e dall’ecclettismo smisurato. Non si può fare ordine nel curriculum di Marchesi. Anche se essendo il 2017, dunque cinquant’anni esatti dalla morte di Totò, si può partire da lì. Sceneggiò diversi film del grande attore partenopeo: “Fifa e arena”, “Totò al giro d’ Italia”, “Totò sceicco” e altri, la maggior parte diretti da Mario Mattoli. Per la televisione inventò “Canzonissima” e “L’amico del giaguaro”. Autore e regista per il teatro di rivista, con interpreti eccellenti: Sordi, Tognazzi, Bramieri, la Osiris. Scrisse canzoni celebri  come “Bellezze in bicicletta”. Lanciò nel mondo dello spettacolo Walter Chiari, Sandra Mondaini, Paolo Villaggio, Cochi e Renato

Marcello Marchesi e Walter ChiariUn autentico fenomeno, che con le parole spaccava in due i luoghi comuni e seppelliva l’ovvietà. Celeberrime le sue reclame  degli anni cinquanta e sessanta. Non spot come oggi, quasi dei corti e alla fine battute fulminati, rimaste nella mente di quelli che hanno doppiato il capo degli anta: “Non è vero che tutto fa brodo”, slogan ideato per pubblicizzare un noto dado per minestre. “Con quella bocca può dire quello che vuole”, riferito al meraviglioso sorriso di Virna Lisi, testimonial di un dentifricio. “Falqui! Basta la parola!” Parole pronunciate dal meneghino (come lui) Tino Scotti per mandare in orbita il lassativo più famoso d’ Italia, inventato da Pasquale Falqui, farmacista di Samassi.
La genialità e la produttività di Marcello Marchesi, fanno spavento. Passare di fronte alla sua casa di Setzu che sorride alla Giara, ti fa venire un rimpianto. Il rimpianto, in realtà, dovrebbe essere per noi tutti.

Marcello MarchesiQuando l’onda che gli fece sbattere la testa nello scoglio di San Giovanni, lasciando una giovane vedova e un bambino di poco più di un anno, era il 1978 appunto, si sentivano i vagiti della tv commerciale. Con il suo cervello sempre in movimento, chissà quante altre cose avrebbe potuto fare. In paese lo ricordano con grande piacere, si fermava a parlare con tutti. Persona schietta ed educata. Anche se soprattutto, più che amare le passeggiate in campagna, adorava nuotare. Appena poteva lasciava il suo studio di Setzu e andava a bagnarsi nel mare sardo.
Ai geni, evidentemente è scritto da qualche parte, non è concesso invecchiare. Anche se in tanti anni di carriera ha lasciato un segno profondo nell’universo dello spettacolo e della comunicazione in Italia. È uno da ammirare e invidiare nel senso buono della parola. A volte, a lui, gliene bastava una. A noi molte di più. E non sempre efficaci.

4 dicembre 2017

Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni