Percorso

Cinemadamare e gli auguri di Natale

Mercoledì 21 dicembre si terrà  un meeting per  lo scambio di auguri, in vista delle imminenti festività, organizzato dallo staff di “Cinemadamare”. La serata  sarà anche un'occasione per rivedere alcuni  film girati dai nostri "guys" durante la scorsa edizione del festival, per riproporre il meglio delle clip di Ettore, e per lanciare uno sguardo alla prossima edizione. L’appuntamento  è alle 15 al Cinema "Azzurro Scipioni", in Viale degli Scipioni n. 82  a Roma.  I  film maker presenti a CinemadaMare 2011 potranno proporre la proiezione dei film da loro realizzati durante CdM della scorsa estate; ci saranno  anche le clip più spiritose che hanno vivacizzato le settanta serate di festival. Se avete delle  opere da voler proiettare durante l’incontro del 21 dicembre  segnalate la proposta a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

14 dicembre 2011

Write comment (0 Comments)

Ad Aghero, cinema catalano e tanto altro

Prosegue “Catalunya Cinema, la rassegna di cinema catalano organizzata dalla Generalitat de Catalunya e dalla Società Umanitaria di Alghero.  Mercoledì 14 dicembre, dalle 18, al Cinema Miramare di Alghero, sarà proiettato  “Herois” di Pau Freixas. Il film racconta l’ultima estate passata insieme di un gruppo di adolescenti, con le avventure, gli amori e i dolori caratteristici di quella fase della vita in cui l’infanzia sta per far posto all’età adulta. Inserendosi nella falsariga delle narrazioni generazionali di film come “Stand by me” di Rob Reiner, “Herois” si muove tra commedia e dramma, e comunica con semplicità e sensibilità una visione mitica dell’infanzia come in cui chiunque, non solo i giovanissimi, non farà fatica a immedesimarsi. Si terrà  un momento di confronto e di approfondimento con gli  ospiti,  i produttori Lluis de Val e Pedro Figuero.  La rassegna si concluderà mercoledì 14 dicembre con la proiezione del pluripremiato “Pa Negre” ospite la produttrice Isona Pasola.  Ma ancora cinema ad Alghero. Giovedì 15 dicembre, alle 19.30, presso la Torre di Sulis, avrà inizio la sezione cinematografica di “Teatrin Torre”, la dodicesima edizione della rassegna “Isole” curata dalla Compagnia Teatro d'Inverno, inserita nei festeggiamenti per il Cap d'Any 2011  di Alghero. La sezione dedicata al cinema, come di consueto curata dalla Società Umanitaria di Alghero, prevede, in tre giorni, la proiezione di quattro tra film di finzione e documentari di autori sardi giovani ed emergenti. Giovedì 15 gli autori Elena Solinas, Ignazio Chessa e Gianmarco Serra presenzieranno alla proiezione in prima assoluta del documentario “ L'emigrazione sarda in Argentina”, prodotto dall'Umanitaria di Alghero. Venerdì 16 sarà la volta di due documentari prodotti dall'ISRE, l'Istituto Regionale Etonografico di Nuoro, “Murrasarda” di Andrea Lotta, sul variegato gioco della "murra" in Sardegna e “Un passo dopo l'altro” di Gianni Tetti, che racconta una storia di ragazzi che, attraverso lo sport, lottano contro l'autismo. Anche in questo caso saranno presenti gli autori.  Infine, sabato 17 Tore Manca presenterà il suo “L'Eclissi” (di luna). L' ingresso alle proiezioni è libero e gratuito.

14 dicembre 2011

Write comment (0 Comments)

Aura e Giffoni Experienca e i minori in affido

Il Natale  è un momento di festa. Per molti, però, purtroppo non sarà così. Proprio per questo Aura, il sociale del Giffoni Experience, ha deciso di ricreare un momento di gioia natalizia anche a chi non avrà la possibilità di viverlo appieno. Giovedì 15 dicembre, alla Cittadella del Cinema di Giffoni Valle Piana (dalle 10), Aura, insieme allo staff del GFF, ospiterà oltre 100  minori in affido provenienti dalle strutture di accoglienza di Salerno e provincia che saranno coinvolti in una giornata interamente dedicata a loro. Gli oltre cento minori in affido, una volta arrivati a Giffoni Valle Piana, saranno accolti prima dagli sbandieratori del Centro Elaion di Eboli e, subito dopo, dal direttore artistico del GFF, Claudio Gubitosi che si soffermerà sull’importanza dei sogni, di quanto un desiderio possa diventare ragione di vita e di quanto una passione, che sia per il cinema, l’arte, lo sport, possa fare la differenza e trasformarsi nella più efficace forma di riscatto. 

14 dicembre 2011

Write comment (0 Comments)

All'Odissea il film "Auge in Auge"

La rassegna “Cinema tedesco oggi 2011” dell’ACIT-Cagliari  prosegue e  mercoledì 14 dicembre 2011, alle 21.15, al Cinema Odissea  (Viale Trieste 84, Cagliari) con la proiezione del film documentario “Auge in Auge (Lo sguardo nello sguardo)  di Michael Athen e Hans Helmut Prinzler. Il film è proiettato in versione originale con sottotitoli in italiano. L’ ingresso è libero e gratuito.

14 dicembre 2011

Write comment (0 Comments)

Successo per Intrecci mediterranei

Si  è conclusa con un grande successo di pubblico la rassegna cinematografica internazionale "Passaggi d'Autore: intrecci mediterranei" 2011 a Sant’Antioco. Intrecci che si saldano anche in amicizie tra i registi che vivono insieme in un luogo  nuovo per tutti. Intrecci con la comunità di Sant’Antioco e del Sulcis, che per cinque giorni hanno  avuto  la possibilità di assistere,  dialogare con realtà sconosciute.  L' ultima serata si è chiusa con lavori provenienti da Israele, Marocco, Tunisia, Spagna, Sardegna, Italia, Algeria, Croazia, Palestina. Diversi film avevano come protagonisti i bambini, a volte fortunati, a volte costretti ad una vita difficile. Particolarmente interessante “Paper memories”,  il lavoro di Theo Putzu, opera prima del regista sardo, trapiantato a Barcellona per inseguire il sogno di regista. Il suo lavoro usa la tecnica dello “stop motion”, solitamente usata per le animazioni. In questo lavoro,  sono state utilizzate migliaia di foto che unite tra loro hanno creato un video col il ritmo dell'animazione, per visualizzare in modo realistico sullo schermo i tempi diversi della nostra memoria.   Un lavoro originale il film marocchino “Courte vie”  di Adil El Fadili. Cerca di sfatare molti luoghi comuni della cultura mediterranea: il destino, l’appartenenza ad una classe sociale e la non possibilità di migliorare, il collegamento obbligatorio tra mussulmani e terroristi. Interessante il corto palestinese “The clock and the man”  di Gazi Abu Baker. Un contesto palestinese dove i ragazzi vanno a lavorare, sognano un futuro e un buon lavoro, si vestono eleganti. La storia di un uomo che sveglia ogni mattina tutti i ragazzi della città che devono prendere il treno per andare al lavoro.  Molto forte “Lel chamel” di Youssef Chebbi, dalla Tunisia. Il racconto crudo della tratta dei clandestini, dove si vede “dall’interno” il funzionamento dei viaggi della speranza. Sono persone che sognano un futuro migliore, lontano dalla miseria della propria terra.  Di un’attualità disarmante il film croato “Mezanin” di Dalibor Matanic. C’ è crisi, non si trova lavoro. La bellezza per una donna può essere la salvezza e la condanna allo stesso tempo. Per essere assunta, una ragazza deve superare un colloquio con un capo che pretende il suo corpo. Se lo prende, e distrugge per sempre la vita di quella ragazza. Divertimento assicurato con “La ultima sequencia” di Arturo Ruiz Serrano, dalla Spagna. Una scalcinata troupe cinematografica deve filmare l’ultima sequenza del film. Tra incredibili difficoltà si troverà la soluzione. Inoltre,  è stata premiata la migliore foto del concorso fotografico "Un'isola per una location", dove si sono scoperti angoli di Sant'Antioco dove si immagina di montare un set cinematografico.

14 dicembre 2011

Write comment (0 Comments)
Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni