Stampa

La fotografia incontra il cinema

A Quartu e a Cagliari la mostra cine fotografica di Giovanni Coda. di Elisabetta Randaccio

Giovanni Coda-30 ExpositionLa mostra antologica "Giovanni Coda-30 Exposition", a Quartu S.Elena inaugurata il 1 ottobre all'ex Convento dei Cappuccini, è, in primo luogo, una importante opportunità per la città di Quartu, alla ricerca di una "rinascita" culturale attraverso eventi di rilevante spessore capaci di attirare interesse critico e di pubblico.

Write comment (0 Comments)

Quando il cinema incontra la realtà

Presentata la terza edizione di "How to film the world": grandi ospiti e tante riflessioni. di Elisabetta Randaccio

''How ot film the worldÈ giunto alla terza edizione "How to film the world", lo "spazio" cinematografico, che si alterna felicemente al biennale "Carbonia Film Festival". Quest'anno si svolgerà dal 7 al 10 ottobre, finalmente in presenza, rispettando tutte le regole anticovid, e si annuncia imperdibile per le interessanti proposte, le quali abbracceranno anche altre arti, oltre il cinema.

Write comment (0 Comments)

Sarda, scrittrice e 'rivoluzionaria

A Cagliari una serata di cinema per i 150 dalla nascita della Deledda. di Elisabetta Randaccio


Grazia DeleddaSono in corso, quest'anno, le celebrazioni del centocinquantesimo anniversario della nascita di Grazia Deledda, nata a Nuoro nel settembre del 1871 (morì nel 1936 a Roma, dove si era trasferita da decenni, dopo il suo matrimonio). Tra le iniziative pensate per questo evento, un appuntamento ha riguardato il rapporto tra il cinema e l'opera della grande scrittrice sarda, svoltosi tra Nuoro e Cagliari, il 30 giugno e il 1 luglio scorsi.

Write comment (0 Comments)

Marcias racconta il tempo delle donne

In sala "Nilde Iotti, il tempo delle donne" di Peter Marcias. di Elisabetta Randaccio

''Nilde Iotti, il tempo delle donne''È uscito finalmente in sala "Nilde Jotti, il tempo delle donne" di Peter Marcias, presentato alle "Giornate degli autori", alla Mostra del Cinema di Venezia del 2020 e visto anche, nei mesi scorsi, su una piattaforma in streaming. Il documentario, un genere frequentato con successo da Marcias, si affianca ai brillanti ritratti femminili girati dal regista sardo nel passato: "Liliana Cavani. Una donna nel cinema", 2010, e "Tutte le storie di Piera", 2013.

Write comment (0 Comments)

Silenzi e suggestioni di ''Banditi a Orgosolo''

A Cagliari una mostra fotografica sul capolavoro di De Seta. di Elisabetta Randaccio

Banditi a OrgosoloSono passati sessanta anni da quando "Banditi a Orgosolo" di Vittorio De Seta vinse, alla Mostra del Cinema di Venezia, il premio come miglior esordio con la seguente motivazione: "In riconoscimento della singolare maturità stilistica con il quale il regista ha amorevolmente rappresentato aspetti e problemi di una societa contadina".

Write comment (0 Comments)

Un sardo a "Cortinametraggio"

"L'ultima habanera"di Carlo Licheri sarà proiettato al festival del cortometraggio di Cortina.

''L'ultima habanera''"Cortinametraggio" è, in Italia, uno dei più importanti festival di cortometraggi. Nato negli anni novanta, ideato e diretto da Maddalena Mayneri, si svolge a Cortina D'Ampezzo ed è sempre stato una vetrina rilevante per i film "brevi", nonché una rampa di lancio per le opere di autori, i quali, in seguito, hanno percorso carriere significative, come è capitato, per fare solo un esempio, a Paolo Genovese, il regista di uno dei successi degli ultimi anni: "Perfetti sconosciuti".

Write comment (0 Comments)

''Visioni sarde'' vola in Australia.

Le proiezioni si terranno, in presenza, il 15 marzo a Canberra. di Elisabetta Randaccio

''Visioni sarde''Prosegue, nonostante gli ostacoli del Covid 19, il tour internazionale di "Visioni sarde". La rassegna cinematografica dedicata al meglio del giovane cinema sardo approda ora in Australia, ospite della Dante Alighieri Society Canberra.

Write comment (1 Comment)

Cecilia Mangini, cineasta 'rivoluzionaria

Nella settimana della Festa delle donne una rassegna e un incontro online sulla grande documentarista scomparsa a gennaio. Cecilia Mangini è stata una regista e una donna straordinaria. di Elisabetta Randaccio

Cecilia ManginiPrima documentarista italiana, era nata a Mola di Bari nel 1927 e, per quanto abbia vissuto la maggior parte della sua esistenza in altre regioni, il suo interesse per il meridione d'Italia è sempre stato rafforzato non solo dalla passione per la sua terra natale, ma dalla curiosità e dalla necessità di capire lo svolgimento antropologico, sociale e ecomonico di quella parte del nostro paese e dei suoi, spesso, dolorosi, mutamenti.

Write comment (0 Comments)