Stampa

“Bella e perduta” di Pietro Marcello

Una favola bressoniana sull’Italia allo sfascio. di Carlotta Lucato

''Bella e perduta''Bella e perduta - Italia, 2015 - Colore e bianco/nero - 87’
E’ un messaggio di amore struggente e malinconico, e tuttavia intriso di speranza, quello che Pietro Marcello dedica all’ Italia nel suo Bella e Perduta, presentato a Locarno in prima mondiale ed in gara al Concorso Internazionale.

Write comment (0 Comments)

‘’Desula’’, la storia dei vestiti che parlano

Giancarlo Casula, nipote del poeta Montanaru, racconta la misteriosa alchimia dell'amore in Barbagia. di Guido Garau

''Desula''Sul ripido pendio di un’ampia vallata a ridosso del Gennargentu, esposto a levante e inerpicato a mille metri di altitudine, c’è un piccolo gruppo di case di scisto dai colli allungati. Desulo si srotola in verticale, lungo la strada provinciale che lo collega a Fonni, salendo sempre più in alto, lasciandosi alle spalle l’ampio fondovalle e poi il monte su cui sono disseminate le casupole de sos pastores.

Write comment (0 Comments)

"Cinque" di Francesco Maria Dominedò

Cinque: Stefano Sammarco rivelazione dell’anno? di Daniele Gramiccia

''5''"Cinque", il film Indipendente di Francesco Maria Dominedò, prodotto da Valter D’Errico promette un grande successo di pubblico,  perché oltre ad essere una pellicola volutamente sopra le righe (da qui la sua nomea di fumetto criminale), ha tra i suoi attori 5 (cinque) protagonisti  veri!

Write comment (0 Comments)

Hai Visto mai 2010, Quinta Edizione all’insegna della legalità.

di Nicola Contini

Luca Zingaretti e Antonio MartinoSi è  conclusa domenica 30 Maggio a Siena la quinta edizione della Festa del documentario sociale e di costume “HAI VISTO MAI?” diretta da Luca Zingaretti e promossa dall’Associazione Culturale HAI VISTO MAI.
Dell' ottantina di lavori arrivati ne sono stati selezionati 6: Cargo (di Vincenzo Mineo); Falsos Positivos (di Simone Bruno, Dado Carillo); Negli Occhi (di Francesco Del Grosso, Daniele Anzellotti), Nìguri (di Antonio Martino); Via Volontè Numero 9 (di Lorenzo Scurati); Vivamazonia (di Francesco Cannito).
Write comment (0 Comments)

Intervista a Furio Scarpelli

Tratta da "Nanni Loy, un regista fattapposta" (Tredicilune, CUEC editore, 1996)  di Maria Paola Ugo e Antioco Floris
 
Furio Scarpelli(Per gentile concessione della casa editrice CUEC e degli autori, Tredicilune, CUEC Editore, 1996)
Intervista a Furio Scarpelli. Una delle malattie di questo momento è il cinemismo, cioè la cinefilia di chi fa il cinema. Un eccesso di sapienza cinematografica e mancanza di altre conoscenze: psicologia, morale, filosofia, socialità. Nanni Loy questa cosa la sapeva senza esibirla.
Write comment (0 Comments)

“Il concerto” di Radu Mihaileanu

di Alessandra Menesini
 
''Il concerto'' locandina
Con Alexei Guskov, Mélanie Laurent. Son tutte dentro gli occhi di Andrei Filipov, le note del concerto n.35 di Tchaikovsky. E nelle sue mani di ex direttore d’orchestra epurato dagli apparati di Breznev e declassato a uomo delle pulizie al Bolshoi. E’ un fax sgusciato nottetempo, a distoglierlo dagli stracci per la polvere e a farli concepire un piano che potrebbe ancora, per una volta sola, fargli riprendere tra le dita la sua bacchetta spezzata.
Write comment (5 Comments)

"Gummo" di Harmony Korine

di Maria Luisa Crisponi

 
''Gummo'' locandinaPartire dalla realtà per costruirne un’altra… (e in fin dei conti non così lontana)
Un tornado si è abbattuto su Xenia, nell’Ohio. Le immagni di un documentario sono quelle risalenti al super outbreak del 1974 che costò la vita a 34 persone. Korine parte da qui, da un fatto realmente accaduto, per ricreare una realtà post-apocalittica dove gli unici superstiti sono quasi tutti ragazzini.
Write comment (1 Comment)