Cinemecum - Film Consiglio

Percorso

Film Consiglio

''Captain Fantastic'' di Matt Ross

Il consiglio di Elisabetta Randaccio

''Captain Fantastic''Come in un film della New Hollywood degli anni settanta, di cui conserva la struttura tecnica, i colori marciti e il centrale tema del viaggio come spostamento formativo da una "frontiera" all'altra, "Captain Fantastic" di Matt Ross ci fa riflettere sulle possibiltà e sui fallimenti delle utopie politiche, sociali, etiche. Il protagonista Ben Cash - uno straordinario Viggo Mortensen - ha un cognome pesantemente simbolico da rimuovere come l'identità prefigurata di dover essere un cittadino solerte di una società capitalista e edonista.

Write comment (0 Comments)

''La stoffa dei sogni'' di Gianfranco Cabiddu

''La stoffa dei sogni''

Il consiglio di Elisabetta Randaccio

Sarà stata veramente l'Asinara l'isola dove Shakespeare immaginò il suo capolavoro, "La tempesta"? Questa intrigante ipotesi l'ha affermata Gianfranco Cabiddu, ricordando la lavorazione del suo ultimo film, il più fascinoso della sua carriera, "La stoffa dei sogni". Certo, l'Asinara può ben raffigurare un territorio magico, al limitare tra Inferno e Paradiso (ma per Dante era il Purgatorio un'isola, quella che Ulisse riesce solo a vedere in lontananza durante il suo ultimo naufragio, come accade nella scena iniziale del film ai passeggeri della nave travolta dalle onde).

Write comment (0 Comments)

''L'uomo che vide l'infinito'' di Matthew Brown

Il consiglio di Elisabetta Randaccio

''L'uomo che vide l'infinito''La scienza e lo scienziato al cinema sono stati raccontati numerose volte, ma  quasi mai con originalità o, per lo meno, con accortezza. Due eccezioni provengono dal nostro cinema: il lontano, rigoroso, sperimentale "Non ho tempo" di Ansano Giannarelli, scritto anche da Edoardo Sanguineti, sul matematico francese Evariste Galois e il piú recente, affascinante "Morte di un matematico napoletano", in cui il regista Mario Martone, senza cadere nella illustrazione stereotipata di genio e sregolatezza, narra l'ultima parte della vita, conclusasi con un suicidio, di Renato Cacciopoli, geniale studioso, tormentato psichicamente.

Write comment (0 Comments)
Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni