Cinemecum - Spada Clara

Percorso

"Birdman" di Alejandro Gonzales Inarritu

di Clara Spada

''Birdman''Sempre più raro un film perfetto: “Birdman” lo è, ed è forse questo che non attira il grande pubblico. Che vuole trascorrere un paio d’ore a farsi quattro risate, indifferente a quanto sia bravo tizio o caio, quanto intrighino le penombre del polveroso back-stage di un teatrino di Broadway, quanto incantino i triangoli di cielo grigio tra i grattacieli.

Write comment (0 Comments)

"The next three days" di Paul Haggis

di Clara Spada

''The next three days''Come possa John Brennan, pacifico professore di letteratura in un college di Pittsburg, trasformarsi in un action-man è l’interrogativo spontaneo che ci si pone vedendo “The Next Three Days”. Catalogato come thriller è indubbiamente un film d’azione perciò pare improbabile che un uomo qualunque, tutto casa e famiglia, si trasformi - in tre giorni - in un esperto scassinatore, organizzatore di evasioni, rapinatore, omicida.

Write comment (0 Comments)

"Nessuno mi può giudicare" di Massimiliano Bruno

 
''Nessuno mi puo' giudicare'' locandinaLa commedia all’ italiana, pur senza raggiungere le vette degli inizi, va alla grande. Dopo il successo dei cinepanettoni e delle prime uscite semiprimaverili ecco che arriva sugli schermi l’ennesima storia made in Rome che batte l’atteso fumettistico “Dylan Dog”. L’esordiente regista Massimiliano Bruno non è Frank Capra ma riesce a confezionare una buona storia stile “La vita è meravigliosa” alla amatriciana.
Write comment (8 Comments)

"De-lovely" di Irwin Winkler (2004)

di Clara Spada

''De-lovely''Dopo l’edulcorato Notte e dì del 1946, quando la fama e la carriera di Cole Porter era al top, ecco una nuova completa biografia di uno dei più famosi musicisti targati Usa. Simile a un altro film sull’altrettanto famoso ballerino e coreografo Bob Fosse (All That Jazz – 1979), l’ormai vecchio e malato Cole rivive da spettatore  la sua vita come se fosse un musical di sua produzione.

Write comment (0 Comments)

''Rosenstrasse'' di Margarethe von Trotta

di Clara Spada

''Rosenstrasse'' di Margarethe von TrottaLeone d’oro nel 1981, David di Donatello nel 1982, premio al Bif&st di Bari nel 2010 e altri importanti  riconoscimenti coronano la feconda carriera artistica di questa attrice regista berlinese. L’ultimo lavoro, “The Misplaced World”, è pronto per il prossimo Bif&st. I suoi sono in gran parte film che parlano di donne e di sentimenti, siano esse vere (“Rosa L.” 1985) o fittizie come ne “Il caso di Katharina Blum” (1985), tutti a testimoniare il suo notevole impegno artistico e sociale.

Write comment (0 Comments)

"È complicato" di Nancy Meyer

 
''E' complicato'' locandinaNon è una novità per Nancy Meyer, regista e sceneggiatrice di questo film, proporre commedie romantiche e con poche pretese ma con attori di grosso calibro e locations di piacevole lusso tali da attirare un certo pubblico. Come in "What Women Want" con Mel Gibson e "L'Amore Non Va In Vacanza" con un quartetto niente male (Cameron Diaz, Jude Law, Kate Winslet, Jack Black).
Write comment (0 Comments)
Powered by CoalaWeb

Accesso utenti e associazioni